Primi poemetti/L'asino

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L'asino

../L'eremita ../Il transito IncludiIntestazione 28 luglio 2012 100% Poemetti

L'eremita Il transito
[p. 165 modifica]

L’ASINO


i


L’asino... Parmi adesso: era una sera
d’ottobre, nella strada di Sogliano.
3Cigolava per l’erta la corriera.

E io guardavo dietro me, nel piano,
dove San Mauro mio già non appare
6— oh! mio nido di lodola tra il grano! —

dove tra il verde luccica e tra chiare
brecce di ville borghi città, drago
9addormentato dal cantar del mare,

la Marecchia argentina. E quando pago
fui della vista, mi rivolsi e, nero
12come uno scoglio per un roseo lago,

nero sopra un trascolorar leggiero
di tutto il cielo, come un’ombra netta,
15nero e fermo lassù come un mistero,

l’asino vidi con la sua carretta.

[p. 166 modifica]


ii


Non altro? No. Da non so qual pendice
veniva un canto di vendemmiatore,
19veniva un canto di vendemmiatrice:

veniva or sì, or no, tra lo stridore
delle ruote. Sentii queste parole:
22E m’hanno detto ch’è morto l’amore...

Io, sole queste; ma non queste sole
l’asino che lassù stava, annerando
25dentro il morire fulgido del sole.

Pur non vibrava, vidi, a quando a quando
l’orecchie della lunga ombra per quello
28stornellamento così lungo e blando;

sì le volgeva appena a un ritornello
or chiaro come d’anelante piva,
31or aspro come d’avido succhiello...

Su la carretta il carrettier dormiva.


iii


Russava nella strada solitaria
Schiuma, lo scalzo e rauco pesciaiolo,
35tuo figlio, o di marruche irta Bellaria.

[p. 167 modifica]


Lo prese e vinse il vino di Bagnolo
nel suo ritorno; e l’altro, a poco a poco
38per non più fare la sua via da solo

(senza il bastone!), si fermò tra il fuoco
del vespro. Dietro, delle ondanti gote
41egli ascoltava il buffar grande e roco.

L’uno dormiva su le ceste vuote,
vidi passando; e l’asino, St! dorme!
44parve accennare alle sonore ruote.

L’un su le ceste, e su le sue quattro orme
l’altro, non meno immobile del primo.
47Soltanto, l’ombra sua, lunga e deforme,

pasceva al greppo un vago odor di timo.


iv


E l’uomo con la cara anima invasa
d’oblìo, dormiva nella via maestra;
51ma già la moglie l’attendeva in casa.

Fosse andato pur là dove è maestra
gente in far teglie, sotto cui bel bello
54scoppietti il pungitopo e la ginestra;

a Montetiffi; o dove, a Montebello,
passero solitario, ancor per uso
57torni nel solitario tuo castello;

[p. 168 modifica]


già l’attendeva; e la capanna al Luso
più non udiva dall’industre moglie
60il fremebondo vortice del fuso;

ch’ella destava il fuoco già, con foglie
secche, e stacciava, e poi metteva il piede
63fuori, e le donne assise su le soglie

interrogava ad or ad or: Si vede?


v


Ma l’uomo era lassù, lungi dal mare,
sul monte azzurro; e nol sapea: pian piano
67credea seguire il suo tranquillo andare.

Anzi, calava d’un buon passo al piano:
già balzellando si sentì di sotto
70le tue selci sonanti, o Savignano.

Anzi, a San Mauro s’era già condotto;
e sentiva sonar l’Avemaria,
73grave e soave, tra il fragor del trotto.

Anzi, alla Torre: e nella nera ombrìa
del parco udiva un ultimo fringuello,
76mentre al galoppo egli svoltò la via.

[p. 169 modifica]


Anzi, era giunto: urlava: Arri! mio bello.
L’aria marina gli pungea la fronte,
79e la rena legava: Arri!... Ma quello

era là, fermo, su l’azzurro monte.


vi


Schiuma, la rena lega! Uomo, la rena
lega le ruote! Il po’ di via che resta,
83si farà certo con un po’ di pena;

ma è l’ultimo! l’ultimo! ma questa
è la mèta, è il riposo! Odi: col canto
86delle mille onde il mare ti fa festa.

Avanti! Si va piano, ora; ma quanto
s’è corso prima! O Schiuma, ecco Bellaria!
89Avanti! ecco la gioia, uomo! — Frattanto,

l’asino è fermo, e l’uomo sogna. Svaria
quel gruppo nero sul purpureo cielo.
92I pipistrelli sbalzano per l’aria.

Viene un suon di campane dietro un velo
di lontananza; e tutto si scolora.
95Laggiù chiede una donna al mare anelo,

all’ombra muta: Non si vede ancora?