Prose e poesie bellunesi 2008/3

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Emilio Da Deppo

Confin. ../2 ../4 IncludiIntestazione 27 febbraio 2016 50% Da definire

2 4

EMILIO DA DEPPO (1946)

Confin.

Cuanche deone a scola le maestre, oltre che nsegnane, le ciatea anche l tenpo par contà storie e leiende che le avea na so reson. Lasson perde le longane, che le me và fora pa le reie a forza de sientile contà ten dute i paes; me penso nveze calchiuna che no la sarà esclusiva, ma almanco n tin diversa.

Par esenpio: l confin tra Domeie e Loz, che l à adiritura doi version, una da monte e una da paes. Tra Baion e Pian dei Buoi la storia e le discussion le dura da ane anorum e ncora al dì de ncuoi no se à ciatà l indreto. Elo l Pupo de Baion (Domeie) o la Tore de San Lorenzo (Loz)? Beto ntin del mè, ma i dis che cuanche l Papa l era n vacanza a Lorenzago, avendolo davante i goie dute i di, l à dito a Padre Georg: “Guarda quel monte, sembra la testa di un pampino!” Duncue la pi outa autorità à deciso: l é l Pupo …

Tante ane fa i nostre vece avea proà a bete n ciaro n ota par dute la fazenda, e d acordo i doi marighe i avea deciso che doi comission sarae partide, una da Domeie e una da Loz. A capo i avea betù doi femene che cognossea i loghe, d intenzion che onde che le se avarae ncrosà, là era l confin.

Magare a Loz i la conta contraria, ma la femena da Domeie - che avea na bona ianba - l é ruada pi n là de onde che i pensea, così nveze che ciarì l problema i à tacà a fei barufa. A n bel momento, chela da Domeie npone la so rason e la dis: “Giuro che i me pè i é su la tera de Domeie!“ Bisogna savé che a chi ane giurà l falso golea di finì brusade come le strìe. Dute tase, somea de esse dude a capo de la fazenda. La verità l é che, prima de partì da ciasa, la se avea ienpì le dalmede co la tera del orto a Domeie. No l à dito busie, e con furbizia l à otegnesto l confin pi n là.

Chel outra storia l é che dovea ienì n visita l Patriarca de Acuileia. Ogni paes dovea portalo su la portantina, passandoselo n portission da n posto a chel outro. La presenza de sto personaio i l à vista come ocasion par stabilì n ota par dute onde che era l confin tra Domeie e Loz.

Se savea che l era a le Olte de Ciasaburta, ma essendo nportante anche n metro de tera, no i se avea mai betù d acordo. Rua la portission da Loz, col Patriarca n scai, e i zerca de guadagnà taren. La portission de Domeie pende contro par fei outretanto. Pende tu che pendo anche iò, l Patriarca l é finì rebotolon do pa le scarpade. Zighi e urle, core dute a tirà su l prelato, che l avea batù la testa. Na figura da ciode!

La portission continua e l Patriarca và pa la so strada. Come che l torna a Acuileia, i so pree i lo vede duto ruinà e i ghi domanda: “Eminenza, e quel bernoccolo sulla fronte?” “È il confine tra Lozzo e Domegge!” l à respondù l Patriarca. Credo che pa n toc el se à pensà dei nostre paes …

(Domeie)