Proverbi, tradizioni e anneddoti delle valli ladine orientali/II/21

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
L Mòsca

../20 ../22 IncludiIntestazione 21 marzo 2016 25% Da definire

II - 20 II - 22

[p. 84 modifica] L Mòsca.

Del 1812, sc’i’ ne falle, in santa Maria dal Ciuf1 , soni tè na òta cliampanamartèll ia Santa Maria2 , a Collfòsc, Corvara e in Longiarii. Insci esista intenniis per abbine gent a gi a fa la diaccia al Mosca. QueS fóa n té cannala dalla vai de Cémbra, n der maladett, que robava bestiam fora per questes monts e 1 vennó da Trent jù. Dùt’sei temóa e mai degùn’n’è sta bon’d’i fa vale, perchi qu’ el fò dlacé e savova strionéce; el ava dlonc de su compagns, què 1 daidava. I Gherdénes l’a spie questa òta ite per Val3 e sùn Stevìa 4e a mene fora l’avviso de soné a na data óra champana martèll e gi a 1 pie, què fora de Pùz né podól più sciarapé. Dlonc fòl guardies, qu’èl né podèssafora; da vigni biige ite ruvel gent tè Pùz con stlop, falce, fùrcbes e drémbli. Qui de Gherdena 1 para su per Val, jù de Stevia stloppéti, da Collfòsc, La Villa e Longiarii en vegnel tan’, qu’ èl n’i pò più sciampé incù. El fóa tè na fezzura scognii sott n crèp

Il Mosca.

Se non erro, fu nel 1812 nel giorno dell’Assunzione, che tutt’ad un tratto suonarono a stormo a Santa Maria, a Collfosco, a Corvara ed a Campil. Era quello il segnale convenuto fra la gente per raccogliersi a dare la caccia al Mosca. Questi era un furfante della valle di Cembra, un briccone, che rubando bestiame sulle montagne andava poi a Trento per venderlo. Tutti ne avevano paura e nessuno fu mai capace di fargli del male, perchè aveva il corpo tutto coperto d’uno strato di ghiaccio e perchè era maestro di stregoneria; ovunque egli avea de’ complici, che l’aiutavano. I Gardeuesi dopo d’averlo spiato nella Valle e sul monte di Stevia mandarono da tutte le bande l’avviso di suonare a stormo alla data ora per andar ad acchiapparlo, giacchè fuori di Puz ormai più non poteva scappare. In ogni luogo stavano delle guardie appostate, onde non potesse scappare; da tutte le imboccature si spinse la gente su pel monte Puz, armata [p. 85 modifica] itĕ. Dĕ sů compagns n' aven bèll piè trëï o quatter. Alla fin l vèghen; ëi i tira sů stloppetades e ël sĕ sfrë́ia jů les balles scèque a sĕ paré les mòsces, perchí qu' ël fóa dlacé, dĕ maniera quĕ les balles ni passâ itĕ. Fora dela tana ni gnivel ed itĕ nĕ s' infidâ degůn’. Alla fin èl l Cir 5da Collfòsc quĕ dige: "I' l' ó pa begn desdlacé iů quëš maladëtt, gnide dô valgůn' con cordes e chavë́stri." Ditt e fatt. L Cir, n om dĕ forza e corragio scèque na laůrz, va con so drémbl jů per la fossa; revè d' impró i më́nel jů per l chè l drémbl, qu' a la forza dĕ desdlacé l strion. "Gnide ma şegn", digel, "oròn pa l liè e gi olláqu' ël alda."


Söla sëra fôl fora en Col dala Pelda 6 te porjun, porcí ch' iló fôl la signoria dla bachëta da

Codon, che fô dl conte Wolkenstein y chi da Colfosch fô ince sot chë Signoria. 


di schioppi, falci, forche e mazze. Quei di Gardena lo cacciano su per Valle e sparano giù da Stevia, e da Colfosco, dalla Villa e da Campil vi accorrono tanti, che ormai oggi gli è impossibile scappare. Egli stavasi nascosto in una fessura sotto una rupe. De’ suoi complici sen’avean presi ormai tre o quattro. Alla fine lo vedono; gli sparano addosso, ma egli rimanda tutte le palle come se si scacciasse d’attorno le mosche, giacché essendo coperto di ghiaccio le palle non potevano trapassarlo. Né egli usciva dalla spelonca ne c’era persona, che osasse entrarvi. Alla fine dice il Cerro, uno di Collfosco: „ Voglio ben sghiacciarlo io, questo maledetto; che alcuni vengano dietro a me con corde e funi. " Detto e fatto. Il Cerro, uomo di forza e di coraggio da orso, con una mazza in mano cala giù per la fessura; arrivato vicino allo stregone gli mena sulla testa un colpo, che ha la forza di sghiacciarlo. „ Ora venite ", dice il Cerro, „ leghiamolo e conduciamolo al posto, che gli spetta." Verso sera il Mosca trovavasi in prigione sul Colle della Pelda, abitando là la Signoria del di-

'L Mosca


'L fova l'an 1812, ai 15 d'agost, 'n la gran Santa Maria, sunov-i da la medema ëura ciampana martel te Selva, via Colfosch, Curvera y d'Longiarù. 'Nscì l'ov-i fat ora de fe per abinè adum jent a ji a piè 'l Mosca. Chesc Moscafova 'n tel canaia de la val de Cembra, 'n drë maladet, che rubova bestiam ora per ch'la montes y 'l vendova da Trent ju. Duc' s'l temova y mei degun ne ie sta bon d'i fe velch, pervia che'l fova curì de dlacia 'n na maniera, che na bala da stlop n'i pudova fe nia y 'l savova striunèc'; dlonch ove-l de si cumpani ch'l judova. Chesc iede l'ova spià chei de Gherdëina ite per Val y sun Stevia; èi ova fat a 'l savei de sunè da la medema ëura ciampana martel y de ji a 'l piè, percie ora de Puez ne pudove-l plu mucè. Dlonch fove-l guardies che'l ne pudesse ora. Da uni busc ite ruve-l jent sun Puez cun stlopes, fauces, fëurces y drembli. Chei de Gherdëina 'l pera ite per Val, ju de Stevia stlupetei da Colfosch, La Ila y d'Longiarù 'n venie-l tanc' che 'ncuei ne ti pò-l plu mucè. 'L fova sot a'n crep schendù te na sfënta; de si cumpani 'n ovun bele pià trei o cater. A la fin 'l veigh-i: èi ti tira su stlupetedes y ël se sfreia ju la bales da stlop sche'l se paressa da la mosces, pervia che'l fova dlacià 'n na maniera che la codles ne ti pudova fe nia. Ora de si tana ne unive-l pagina:3 y ite te tana ne s'infidova deguni. Ngali disc un da Colfosch, 'n i djova 'l Cir da Colfosch: "Ie vue pa ben 'l desdlacè ie ches maladët, unide do n valguni cun cordes y cëbli." Dit y fat, chesc Cir, 'n uem da na forza y 'n curagio stravagant, va cun si drembl ju per 'n fussel dan ora ; can che 'l ie ruvà leprò, ti menie-l ju per 'l cè 'l drembl cun na forza da desdlacè 'l strion. — "Unide ma sendula", sveie-l , "ulon pa 'l liè y ji limpea ulà che'l toca." Su la sëira fova 'l Mosca ora Col da la Pelda te perjon, percie ilò fova de 'ntlëuta la sunieria d' Cudon, che fova dl grof de Wolkenstein y chei da Colfosch tucova enghe sot a chela sunieria. 'L Mosca fova unì tacà cun ciadëines, ma 'npò l'auter dì da duman fove-l sparì. De chesta persona contun 'ncie mo

d'autra stories.
  1. Giorno dell’Assunzione di Maria; viene così chiamato perchè in questo giorno si benedicono fiori.
  2. Parte di Gardena nella parte settentrionale.
  3. Chiamasi così una lunga valle al Nord di Santa Maria.
  4. Montagna confinante con Puz.
  5. Era questo un sopranome.
  6. È il tedesco,Bild*, e significa una casa a Santa Maria.