Puerili (Leopardi)/La dimenticanza

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La dimenticanza

../Le rimembranze ../Madrigale IncludiIntestazione 21 ottobre 2016 25% Da definire

Le rimembranze Madrigale
[p. 173 modifica]

2

LA DIMENTICANZA


     Nel tempo in che dileguasi
all'orizzonte il rosso,
quando più forte gracida
la rana dentro al fosso;

[p. 174 modifica]

     5allor che gli astri brillano
nel cielo azzurro e puro,
e splendono le lucciole
sul verde suolo oscuro;
     allor che ad ogni piccolo
10romor che fa 'l viandante,
gl’inquieti cani abbaiano
ai casolari innante:
     nella stagion più fervida;
in una notte bruna,
15fresca, serena, placida,
bella ma senza luna:
     alla città tornavano
da non lontana villa
tre giovinetti nobili,
20Cleon, Lucio ed Eurilla,
     d'un attempato ruvido
fattore in compagnia:
vermiglio, grasso, florido
pedante li seguia.
     25Lenti pel calle tacito
traean la pancia piena,
ché fatto al campo aveano
una gioconda cena.
     Frugali sempre e savi,
30di carne avean mangiato
sol quanto sulla tavola
per sorte avean trovato.
     Rappreso latte candido,
e saporiti e buoni
35per lodigiano cacio
pugliesi maccheroni:
     con frutta e qualche intingolo
di rustica cucina,
desta e sopita aveano
40lor fame vespertina.

[p. 175 modifica]

     Di quel licor vivifico
che l'alme allegra e bea
la refezion gradevole
mancato non avea.
     45Ed il pedante rigido,
per dare il buon esempio,
è fama che di calici
facesse orrendo scempio.
     Però, mentre moveasi
50con comodo, pian piano,
dai tre fratelli nobili
si vide alfin lontano.
     E quei con burle ingenue,
figliuole del buon vino,
55allontanando givano
la noia del cammino.
     Cleone, astuto giovane,
che d'essi era il maggiore
e avea tra gli altri vizi
60un capriccioso umore,
     con uno scherzo innocuo
fitto s'aveva in testa
a quel pedante macero
far terminar la festa.
     65Di man di Lucio subito
si tolse un ombrellino,
e di seguire ingiunsegli
con l'altra il suo cammino.
     In terra quindi l’abito
70ed il cappel depose,
e dietro ad un grand'albero
ridendo si nascose.
     Pel calle solitario
stanco il pedante e caldo
75veniva tranquillissimo
ciarlando col castaldo.

[p. 176 modifica]

     Aspetta il furbo giovine
che presso lui sia giunto,
e, quando avvicinatosi
80lo vide a un certo punto,
     discostasi dall'albero,
pone l'ombrello in testa,
e: — Su — con voce orribile,
— su — grida — o roba o testa!
     85Il buon pedante, gelido,
confondesi, rista,
e sciama in arretrandosi:
— La vita per pietà ! —
     Scoppian le risa: accorrono
90i giovani al romore:
Cleon con detti amabili
consola il precettore.
     — Non tema nulla — dicegli,
— eh! veda, è stato un gioco.
95Il meschinel ricupera
i sensi appoco appoco;
     e, l'anca percotendosi,
in tono di pietade:
— Oh — dice — incauti giovani!
100oh malaccorta etade! —
     Se in tasca, il ciel ne liberi!
trovavami un coltello,
di voi... qual rischio barbaro!...
facea crudel macello. —
     105I tre figliuoli attoniti,
che replicar non sanno,
si pentono, incamminansi
a ragionando vanno.
     — Oh! Dio — fra lor diceano
110— che gran periglio! io fremo...
son burle che si pagano...
ma più non ne faremo. —

[p. 177 modifica]

     Alfin cosi com'erano,
del tristo error compunti,
115dopo non lungo spazio,
alla città fùr giunti.
     E, allor che raccontavano
il flebile accidente:
— Sien grazie al ciel, — diceano —
120non n'è successo niente. —
     Per lor già necessaria
la mensa più non era,
né far due cene debbesi
in una stessa sera.
     125Per dar quindi rimedio
alle sofferte pene,
che tosto a letto andassero
fu giudicato bene.
     E il precettor, dell'abito
130levandosi ogni arnese,
a trar di tasca vennesi
un suo coltello inglese.