Quadro statistico della parrocchia di Valdagno nell'anno 1780/Elenco dei sacerdoti nel 1780

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Elenco dei sacerdoti nel 1780

../Prefazione ../Aggiunta degli altri luoghi sacri IncludiIntestazione 24 agosto 2018 100% Da definire

Prefazione Aggiunta degli altri luoghi sacri
[p. 6 modifica]

ELENCO DEI SACERDOTI

nel 1780

Munaretti Dottore Antonio Maria Arciprete dal 6. Maggio 1775 al 26. Agosto 1808 in cui cessò di vivere d’anni 83.


Rubini Don Agostino, Rettore dei Conti Trissino1.

Per la Rettoria N.° 3. messe alla settimana. Per il Legato Zamboni nella chiesa delle rr. Madri Cappuccine due messe alla settimana da soldi 47.6 l’una 2. Una al mese per il Legato Tomba nella sud.ta Chiesa, ed il resto gli da le Cappuccine.


Pedoni Don Giuseppe Cappellano della Comunità.

Per la Comunità ha di Salario Ducati 36,3 coll’obbligo di quattro messe all’anno. Più per un Legato Rigotti di Ducati 45, coll’obbligo di tre messe alla settimana.
[p. 7 modifica]


Ponza Don Giovanni q.m Domenico, Cappellano del Santissimo Sacramento4.

Per la Cappellania della Scola del SS.mo Sacramento ha di salario Ducati 50. coll’obbligo di N.° 4 messe alla settimana. Più altra Mansioneria di N.° 20 Messe all’anno del q.m Iseppo Tomba. Più altro Legato del q.m Giacomo Dalle Ore.


Pauli Don Francesco, Confessore delle RR. Madri Cappuccine5.

Per confessore delle RR. Madri ha di salario Ducati 110. coll’obbligo della Messa quotidiana.
[p. 8 modifica]


Trissino Don Cesare Augusto.

Per la Cappellania della Scola del Sacro Rosario ha di salario Ducati 70. coll’obbligo della Messa quotidiana.


Bernardi Don Antonio.

Legato Cornete nella Chiesa delle RR. Madri Cappuccine. Onorario Ducati 60 effettivi argento coll’obbligo di N.° 6. Messe alla settimana.


Pedoni Don Pietro6.

Per la Cappellania Ferrari della Scola del Sacro Rosario di Valdagno, ha di onorario lire 213. coll’obbligo di tre Messe alla settimana.


Marangoni Don Francesco.

Per il Legato della Casa Festari di Ducati.... coll’obbligo di sei messe alla settimana.

[p. 9 modifica]


Pauli Don Antonio q.m Alvise.

Per la Cappellania della Scola del Sacro Rosario ha di onorario Ducati 40. coll’obbligo di tre messe alla settimana. Per altro Legato del Barin di Ducati 10. coll’obbligo della Messa Festiva. Per altro Legato di Ducati 17.


Cittadini Don Marco7.

Per la Cappellania Randoni della Scola del Rosario di onorario Ducati 36. effettivi d’argento coll’obbligo di tre Messe alla settimana.


Rubini Don Gio: Batta.

Per la Cappellania del Sacro Rosario ha di onorario lire 400. coll’obbligo di sei Messe alla settimana.


Pauli Don Antonio q.m Benedetto.

Legato signor Bevilacqua q.m Arcanzolo, d’una messa alla settimana.


Orsini Don Michele.

Legato Mattieli della Scola del SS.mo Sacramento, di sei messe alla settimana. Altro Legato Bevilacqua di una messa alla settimana.
[p. 10 modifica]


Borghero Don Nicolò.

Per il Legato Valdagni8 di cinque Messe alla settimana.9.


Ponza Don Giovanni q.m Bortolo.

Cappellano della Chiesa del Carmine. Per Legato Caltrani di una Messa quotidiana alli Carmini10.


Bevilacqua Don Ilario, Cappellano alla Trinità.

Mansionario Andrighetti d’una messa quotidiana nella sua Chiesa della Trinità11.


Cracco Don Giuseppe, Cappellano a Santa Maria di Panisacco.

Mansionario Andrighetti di sei messe alla settimana nella Chiesa di Santa Maria di Panisacco12.
[p. 11 modifica]


Fioraso Don Girolamo, Cappellano di Campo Tamaso.

Mansionario della Chiesa di San Gio: Batta della Contra di Campo Tamaso N.° 3. messe alla settimana13.


Franceschi Don Clemente — Cappellano del Reverendissimo

sig.r l’Arciprete che convive alla sua tavola.


Gattare Don Carlo — Cappellano del Legato Maltolini di tre messe alla settimana.


Summa la Nota dei Religiosi che hanno obbligo di Mansionarie ai N.° di ventiuno dico N.° 21.

[p. 12 modifica]


Rubini Don Francesco.

Questo ha l’assistenza et aggiuto del Zio Don Agostino Rubini Rettore per suplire alle Messe che sopravanza alli suoi Legali.


Michelato Don Antonio
Duriati Don Antonio
Lorenzi Don Paulo

Questi non ha alcuna obligazione.


Chierici
Duriati Don Gio: Batta

Reniero Don Santo

Questi due possono avere di Provento per il servizio della Chiesa senza la ellemosina delle anime annui troni 80 per cadauno14.


Note

  1. Questa Rettoria è addetta alla Chiesa di S. Cristoforo, della quale da alcuni anni copre il posto di Rettore il molto reverendo Don Giovanni Bevilacqua.
  2. Soldi 47:6 (che formano Lire venete 2. e soldi 7. 1/2) corrispondono a Lire Italiane 1:18.
    Una lira Veneta corrisponde a 50 centesimi italiani
  3. Il Ducato corrente, che fu anche per qualche tempo immaginario, valeva lire 6 e soldi 4, pari ad italiane lire 3:10.
    Il Ducato effettivo d’argento valeva lire 8 pari ad italiane lire 4:
    Tentori, saggio sulla storia civile, politica ecc. degli Stati della Repubblica di Venezia. Vol. II
  4. La Scuola del Santissimo Sacramento era proprietaria della Chiesa di S. Lorenzo e dell’annesso pio Ospitale, e nella medesima teneva le sue radunanze.
    Scrive il Padre Maccà nella sua Storia del Territorio Vicentino Tomo XIII, che detta Chiesa era ufficiata da due Cappellani con messa festiva, e alcune tra settimana.
    Da memorie lasciate da mio bisavolo Rigoni risulta che detta Chiesa fosse stata eretta circa l’anno 1300. È però noto che nell’anno 1424 era stata istituita la Pia Confraternita dell’Augustissimo Sacramento nella Chiesa dell’Ospitale di S. Lorenzo.
    L’Ospitale annesso alla Chiesa era destinato per comodo dei Pellegrini che albergavano nell’Ospitale, acciochè questi non partissero dall’Albergo se prima non avessero udita la S. Messa, com’anche per commodo delli Poveri che nel medemo caritatevolmente li davano l’alloggio.
    La Chiesa fu soppressa circa l’anno 1807, e l’Ospitale, ch’era ormai cadente, fu demolito nel 1849, e poi rifabbricato, e serve presentemente per le Scuole Elementari Maggiori maschili e femminili.
  5. La Chiesa delle Monache Cappuccine è dedicata al Patriarca S. Giuseppe.
    Esistono memorie dalle quali apparisce che fino dal 1701 vi era in Valdagno un piccolo numero di Monache le quali avevano una piccola chiesa.
    La chiesa nuova, ch’è l’attuale, s’incominciò a fabbricarla nell’anno 1738.
    Per Decreto di Napoleone I.° in data 25. Aprile 1810, fu soppresso il detto Monastero, e chiusa la Chiesa la quale poi è stata riaperta al culto pubblico nell’anno 1823.
    Le Monache che si trovavano nel Convento l’anno 1807, erano 19.
  6. Di distinta cultura; nel 1750 visitò le principali città d’Italia: nel 1764 viaggiò per la Germania, l’Inghilterra e la Francia. Nel 1774-1775 rinnovò i suoi viaggi per l’Italia; e dal 1781 al 1783 soggiornò in Roma, consecrando molte ore del giorno allo studio nelle pubbliche Biblioteche. Fu mio prozio.
    Visse dal 1721 al 1810.
  7. Di famiglia originaria da Valle Brembana.
    Nelle sue quaresimali predicazioni a Roma, Firenze, Napoli e Vicenza fu onorato da numeroso e colto uditorio. Morì li 25. Luglio 1819. d’anni 86. Con lui si estinse la famiglia Cittadini.
  8. Le messe del Legato Valdagni venivano celebrate nella piccola Chiesa detta della Madonetta, ossia della B. V. della Salute.
    Questa chiesetta fu chiusa nel 1823 essendochè la Immagine che nella medesima si venerava, fu con solennità trasportata nella Chiesa dedicata a S. Giuseppe che fino al 1810 apparteneva ed era ufficiata dalle Monache Cappuccine.
    Detta Chiesetta fu demolita nel 1833.
  9. La famiglia Valdagni, di cui trovai Memorie che rimontano sino al 1670, nell’anno 1780 passò a Venezia ove prese stabile domicilio.
  10. L’ultimo Cappellano di questa Chiesetta fu il molto reverendo Don Domenico Trentin morto in Luglio del 1871, il quale era stato nominato dalla Nobile famiglia Pigatti, erede Caltrani, nel 1856.
    Egli celebrava due messe alla settimana: una al Venerdì, l’altra alla Domenica.
  11. La Chiesa dedicata alla Santissima Trinità, posta nella Contrada del Maglio di Sopra, fu soppressa nel mese di Febbrajo del 1876.
    La Nobile famiglia Andrighetti era di Venezia.
  12. Di questa Chiesa fu Mansionario D. Antonio Rosa nominato fino dal 1862, il quale tenne il posto sino al 15. Giugno 1881 alla qual epoca cessò di vivere. A lui subentrò D. Giuseppe Guatina che rinunciò alla Mansioneria nel 1883.
    Cosicchè da tre anni detta chiesa è senza il suo Mansionario.

    Visita fatta a questa Chiesa ila Monsignor Vescovo Farina nell’anno 1866.

    L’Ill. e Rev. Monsignore Gio. Ant. Farina Vescovo di Vicenza trovandosi a Novale per la Visita Pastorale di quella Chiesa Parrocchiale, la mattina del 23 aprile alle ore 5 è partito dalla Canonica, accompagnato da uno de’ suoi servitori, si avviò per la Contrada del Maglio di Sopra, indi prese lo scabroso sentiere del bosco e salì sull’alto del colle per visitare quell’antica Chiesa. Alle ore 7. fu di ritorno a Novale.

  13. Da alcuni anni è Curazia soggetta alla Chiesa Arcipretale di Valdagno.
    Nell’anno 1870 essendo Curato il molto reverendo D. Luigi Tedesco, ottenne dalla Curia Vescovile di Vicenza il permesso di conservare in detta Chiesa il Santissimo Sacramento.
  14. Nell’anno 1473 moriva il Doge Nicolò Tron, la cui memoria si conservò nella moneta fatta da lui coniare e per la quale per la prima volta si realizzò la lira effettiva d’argento da soldi 20 detta Lira TronRomanin Storia documentata di Venezia, tomo iv (Venezia 1855).
    Ecco come fu introdotto l’uso di scrivere molte volte la parola Tron o Troni invece di Lire.