Qual uom, se repentin folgor l'atterra

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Berardino Rota

Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Qual uom, se repentin folgor l’atterra Intestazione 22 aprile 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Bernardino Rota


[p. 369 modifica]

V


Qual uom, se repentin folgor l’atterra,
     Riman di se medesmo in lungo obblìo,
     Dal tuo ratto sparir tal rimas’io
     Legno dannato a fuoco, arida terra.
5Che la prigion non s’apre, e non si sferra
     Il mezzo, che restò del viver mio
     Fulminata la speme, e col desìo
     Ogni mia gioia ogni mio ben sotterra?
In cotal guisa chi può dir, ch’uon viva!
     10Oh manca, oh tronca vita! Eppur pietade
     Dovrìa trovar chi l’esser tiene a sdegno.
Così calcata serpe parte è viva,
     Parte morta, si giace, e così legno,
     Tocco in selva dal Ciel, pende e non cade.