Quando fondò dell'immortal sua sede

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Mario Crescimbeni

Q Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Quando fondò dell'immortal sua sede Intestazione 11 novembre 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri


[p. 141 modifica]

VIII


Quando fondò dell’immortal sua sede
     Cristo di Pier sulla saldezza il Regno,
     Paolo chiamando, a lui compagno il diede,
     D’aurea lingua fornito, e d’alto ingegno.
5Sciolto al suo dir da rio servaggio il piede,
     Correan le genti di salute al segno,
     E Roma stessa, d’enpietà già sede,
     Si scosse al suon del chiaro stile e degno,
Alfin Paolo morì: ma tal d’intorno
     10Sparso avea di virtù seme facondo,
     Che frutto appien ne colse Occaso, ed Orto.
Or che il grand’Orator fa a nei ritorno,
     E il rimirian, Signore, in te risorto,
     Ov’è da soggiogarsi un altro Mondo?