Questa negli ozi suoi mole eminente

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Francesco De Lemene

Q Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Questa negli ozi suoi mole eminente Intestazione 26 ottobre 2019 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Francesco da Lemene


[p. 229 modifica]

V1


Questa negli ozi suoi mole eminente
     Erse l’Aiese Eroe, Regia di Flora,
     Del genio suo, che il secol nostro indora,
     Memoria eccelsa alla futura gente.
5Ferma il piè, Passaggiero, e riverente
     L’amena maestà stupido onora:
     Mira come negli ozi ei mostra ancora
     Le magnanime idee della gran mente.
Già superbo, Cesano, io ti discerno,
     10Opra immortal di mille fabbri industri,
     A par del nome suo viver’eterno.
E non sapranno i più rimoti lustri,
     Se dell’Arese Eroe, del tempo a schermo,
     Fur più grandi le cure, o gli ozi illustri.


Note

  1. Per la fabbrica di Cesano del Sig. Co. Bartolommeo Atesi.