Questo bel leprettin, ch'a me dal braccio

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Antonino Galeani

Indice:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu Sonetti Letteratura V. Il dono del lepre Intestazione 3 agosto 2022 100% Da definire

Là tra i giunchi palustri e l'alga immonda Crespo e segnato il viso a maraviglia
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Antonino Galeani
[p. 181 modifica]

V

IL DONO DEL LEPRE

     Questo bel leprettin, ch’a me dal braccio
pendente prigionier l’orecchio rese,
ch’ognor fa, ranicchiandosi, difese,
per levare a te ’l dono, a sé l’impaccio;
     non fu tolto al covile o còlto al laccio,
di degno cacciator men degne imprese;
ma questo piè col piè di lui contese,
se ben rovescio ne cadei sul ghiaccio.
     Non sprezzar, Lilla, il don, che, se nol sai,
accresce la beltá s’è cibo a noi.
Tienlo, ché fuggirá; stringi, che fai?
     Ma che guardi? che ridi? e che dir vuoi?
Ch’esser bella e fugace imparerai?
Piú bella e piú fugace esser non puoi.