Ra Gerusalemme deliverâ/Canto X.

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Ambrogio Conti

Canto X. ../Canto IX. ../Canto XI. IncludiIntestazione 21 aprile 2014 75% Da definire

Canto IX. Canto XI.
[p. 133 modifica]

CANTO X.

Traduto in Lengua Zeneize

DA RO SIG. D. AMBRŒUXO CONTI

past. arcad.


ARGUMENTO.

A Soliman chi dorme Ismen raxoña
E o ro porta per l'aria in Gersalemme.
Ro Ræ Aladin, chi tremma, e o s'amagoña,
All'arrivo de lê ninte ciù o temme:
Re scapolle dri sœu, Goffrè mensoña,
E quando de Rinaldo o scrœuve semme
Ch'o n'è zà morto, ven Pero, e ghe conta
Dri sò Nevi, e de lè ri onoì per zonta.


1

D
ito questo, o se vedde lì inderrê

Un cavallo desperso, e in abbandon;
E siben così stanco e morto in pê,
O l'afferra, e o ghe sâta in sciù l'arçon.
Zà rotto scavizzaoù sciù ro sentê
D'in testa gh'è scuggiaoù ro morrion,
E lê brutto straççaoù de tâ mainera
Che no ciù un Ræ, ma un zingaro o pâ in cera.

2
Comme quando d'in stalla cacciaoù ven
Lôvo chi se ra sbigna, e se nasconde,
Che re bêle dra pança bell'e ben
Quantunque o s'aggie empîo fin no só donde,
Tant'e tanto ra lengua fœura o ten,
E o se lecca ro sangue in sciù re sponde
Dre lærfe: così st'ommo de coraggio,
Chi n'è ancon stuffo, o vorræ fâ ciù straggio

3
E per so sciorte benchè scigorâ
O sente intorno a lê sassi e saette,
E re sciabbre trâ fœugo e lampezá,
Ghe rêsce de portâ via re garrette;
E per non esse visto desertâ,
O piggia scurzaijœu, stradde segrette;
Pœuscia o pensa repensa, e lì o se gratta,
Ch'o l'ha gran rôba a cœuxe in tra pugnatta.

4
Finarmente o vœu andà donde raduña
Ro Ræ d'Egitto gente d'ogni sciorte,
E lì mirâ s'o pœu con ra fortuña
Un'atra votta çimentâ ra morte;
Così senza pensâ cosa nisciuña
Stando sciù questo pointo sodo, e forte,
O s'incamiña a Gazza, onde o sà andâ
Senza mestê de fâseghe menâ.

[p. 134 modifica]

5
Nì perchè re ferîe ghe daggan peña,
(Ch'o l'era pertuzaoù comm'un crivello,)
Ghe ven in mente de pôsâ ra scheña;
Ma fin ch'è giorno o te me stà in çervello:
Pœuscia quando ro Sô i cavalli o meña
In stalla, e nœutte serra ro rastello,
O desmonta, o se mêga, e da uña parma,
O fe' cazze de dattari uña sarma.

6
Restoroûse così sciù ro sentê
O s'accorega per dormî un stizzin,
Servendoghe ro scuddo d'oreggê,
Ma sentindo i bruxoî ogni tantin,
(Ch'o l'era streppellaoù da capp'a pê)
Sempre dre sò ferîe, sto resveggin,
Ghe fava fâ mille castelli in aria.
E uña vitta penosa, e straffalaria

7
Verso ra mezza nœutte finarmente,
Sibben l'era frosciaoù da ste ferîe,
O piggiò un pô de sœunno quetamente,
Gôvendose quell'ore savorîe,
Ma comme re pœu gôve un chi è languente,
Frustaoù da re desgrazie e traversie:
Quando tutto in un tempo int're l'oreggia
Ghe ven sto ton de voxe, chi ro sveggia.

8
Soliman, Soliman, eh cose fæto?
L'è tempo de dormì, de stâ arreverso,
Aoura che ro tò Regno è tutto andæto
In man dri Crestien scciavo, e despærso?
Sciù sto Terren ti dormi, onde gh'è stæto
Dra tò gente scannâ ro sangue spærso?
E intr'esti guai, che ti te veddi intorno,
Ti pœu dormì, ti pœù aspettâ ro giorno?

9
Adesciaoù Soliman comme da un tron,
O l'ærze re parpelle e o se vè avanti
Un Vêgio chi s'arrêze sci'un baston,
Chi pareiva ro Ræ dri Negromanti:
E o ghe dixe arraggiaoù: chi êto, Barbon,
Che tì vêgni a froscià ri viandanti,
E a sturbâghe ro sœunno? E poi, con ti,
Cos'ho moæ da spartî? Ch'œutto da mi?

10
Mi son (dixe ro vêgio) un çærto tale,
Chi fa quanto ti pensi in tro tò cœu.
E siccomme mi t'ammo tale e quale
Comme mi mæsmo, così vêgno ancœu
Per dâte intr'e tò peñe un bon cordiale,
E fâte veì quanto de ti me dœu:
Te vœuggio dâ un pareì da bon amigo:
Piggiaro, e ti saræ fœura d'intrigo.

11
Mi sò, che là in Egitto ti vœu andâ
Con quello Ræ a accordâte, e fâ sciamadda;
Ma mi te posso çærto assegurâ,
Che ti piggi a desœuvero sta stradda,
Perchè sto Ræ l'è pronto zà a marciâ,
E o meña chì tutta ra sò brigadda;
Sicchè dà effetto a mi: questo to fœugo
Saræ mêgio mostrâro a tempo, e lœugo.

[p. 135 modifica]

12
Ma se ti vœu fâ ben, vêgni con mi:
Te prometto menâte in tra çittæ
Giusto in tro bello pin dro Mezo-dì
Senza nesciun perigo, ni anscietæ;
E ra groria sarà tutta de ti,
Perchè da bravo ti sostegniræ
Ra Ciaçça, e ro sò Ræ, fin che d'Egitto
Arrive ro soccorso a fâ politto.

13
Attento, mentre o parla, o têgne mente
Ro Turco in faccia a quello gran Vêgion,
E se zà o ghe respose impertinente,
Aoura o sta savio, e inteisa ra raxon,
Eìveme chi, Poæ caro, obbediente,
O ghe dixe: fæ voî, seì ro Patron:
Ro mæ gusto l'è sempre stæto quello
De taggiâ, de squarçâ, de fâ maxello.

14
Ben dîta, dixe Ismen: e perchè o l'eiva
A quell'aria de nœutte assæ patîo,
Che re ciaghe ciù aværte o ghe vedeìva,
O gh'appriccò un çerotto, e o fu guarîo;
Pœuscia visto ro Sô, chi se stendeìva,
E che ri oxelli fâvan ro pippîo,
O te ghe torna a dî: Via sciù fa presto;
De mettese in cammin ro tempo è questo.

15
E missosero drento un carozzin,
Che ro Mago o l'avæ condûto apposta;
Piggæ re brille in man, e ro frustin,
A i doî cavalli o fa corrî râ posta,
Perchè'o vorreiva fâ presto cammin.
E lì dagghe dra scotta, e molla l'osta,
Tanto che con st'andâ così avviaoù,
Povere Bestie n'eìvan ciù de sciaoù.

16
Sentî, e stupî. S'unisce, e aggroppa insemme
L'aria d'intorno, e a forma un nuvoron,
Così spesso, e sì neigro da fâ temme
E mette fin l'inferno in apprension.
Serrâ ch'a l'è sta nuvora poi semme,
Resistereiva a corpo de canon.
Ro ponto sta, che son sì ben provvisti,
Che veddan, sentan, ni sentîi, ni visti.

17
Soliman resta lì comm'un marmotta,
Ch'o non sa cose sæ sto bell'intrigo,
E o pensa donde posse andâ ra botta:
O vè ro carrozzin senza perigo
Passâ sciù tutti i sassi, e no dâ votta.
Sicchè stupîo de cose fa l'amigo,
E dro sò gran savei o ghe sta apprœuvo
Per descavâghe cose gh'è de nœuvo.

18
E o ghe demanda: Oh ti, che ti hæ potenza
De fâ a ro Mondo d'este maravegge,
Che con questa tò grande intelligenza
Ti me fæ per stupô drizzâ re çegge;
Se intr'a testa ti hæ tanta conoscenza,
Levame questa pruxa d'intr'i oregge:
Dimme che paxe, dimme che roviña,
Intr'esti nostri guai ro çê destiña,

[p. 136 modifica]

19
Ma primma dì, chi ti ê: con che mainera
Ti fæ ste cose insolite, stupende?
Che se mi no ne so l’istoria vera,
Ti diræ, ti diræ, ma chi t’intende?
Ro vêgio rîe, e ghe dixe: uña è leggiera
Cosa da dî, ra quæ te posso imprende:
Ismen me ciammo, e façço profession
De Mago, che in Zeneize œu dî Strion.

20
Ma che mi saccie dîte dro futuro
Ro vero, comm’o foisse ancœu presente,
Questa è uña nesciarìa: l’è un’osso duro
Da rozziggiâ, ni l’ommo ha tanto dente.
So ben che a chi resiste, e a chi ten duro,
Spesso ra boña sciorte ghe va a rente:
Bezœugna dâse atorno, uscì in Campagna:
Dixan, che chi n’arrisccia, no guadagna.

21
Ti, che ti pœu, comme a zugâ a ra morra
Dri Franchi sobbaccá forza, e possanza,
E ra çittæ, dra quæ vœu fâne sorra
A forza de repicchi ancœu ra França,
Ti pœu remette in pê: Sta sciù, va, sborra,
Fa cœu, non dubitâ, gh’è ancon speranza;
Ma pû mi te dirò, vegnendo a o giube,
Uña cosa, che veddo squæxi in nube.

22
Veddo o me pâ de veì cæro e lampante
Un che de chi a poc’anni uscirà fœura,
Ro quæ sarà dell’Axia trionfante,
E all’Egitto o darà lê solo scœura.
Taxo re sò mainere boñe, e tante,
Ro pensâ d’uña testa, chi no svœura:
Te baste, che quest’ommo avrà ra gloria
D’ottegnî tutta intrega ra vittoria.

23
A nemixi o darà tante battûe
Che no savendo ciù donde ficcâse,
Se viran drent’un Izora redûe;
E in ra gran stirpe tò porrà contâse
St’ommo de qualitæ così çernûe.
Taxe ro vêgio, e lê çomença[sic] a fâse
Rosso, e o dixe: a chi mai sta sciorte arriva?
E d’invidia o colava ra sariva.

24
Ma voze sciù ra testa ra fortuña
(O torna a dî) dre mæure[sic] de morin,
A no averà sciù mi raxon nesciuña;
Che mi starò lì sempre çinque in vin.
In çê ra terra, e in terra stelle, e luña
Se viràn, primma che mi mûe camin:
E in dî questo o piggiò tanto l’axaoù,
Ch’o pareiva un demonio scadenaoù.

25
Andavan così insemme raxonando,
Tanto, che arrivan donde i paviggion[sic]
Aveivan ri Crestien; e lì l’è quando
Se misse ro Sordan ciù a dî sgarroin,
In veî re sò roviñe, e allumerando
Ri sò Turchi peræ comme cappoin;
E viste tanto ciù re sò bandêre
Così temûe, straggæ in çento manere.

[p. 137 modifica]

26
E visto ri Françeixi a i morti adosso
Passâ con ri cavalli a pestassári,
Atri fâghe strapassi a ciù no posso,
Despacciághe re stacche, e despœuggiâri:
Atri comme rumenta zù intr'un fosso
Ri sœu amixi ammuggiâ ciù streiti, e cari,
Atri fâghe d'attorno ciù d'un zœugo,
Atri piggiâ ri morti, e dâghe fœugo.

27
O sospirò, ni poendo ciù agguantâ
Soliman sâtò zù da ra Carossa
Per fâ sciaratto con ra spâ arrancâ;
Ma ro vêgio ghe dixe: Troppo grossa
Ti væ a fâra: sta chì: no t'impegná:
E tant'o fa, che torna o l'incarossa:
Pœuscia piggiâ ra stradda verso in sciù,
Lascian ro Campo, e no ro veddan ciù.

28
Ro vêgio allora e Soliman smontæ,
Sparîo ro coccio, a pê poi se camiña;
E in tra nuvora sempre incappotæ
Caran zù pr'uña valle a man manciña:
Dell'ærto monte Scion pœuscia arrivæ,
Donde re spalle a ro Ponente o chiña,
Ismen se ferma, o guarda, e pâ ch'o faççe
Comme quando se çærcan re lumaççe.

29
Lì se trovava uña famosa grotta,
Fæta in ro tempo ancon dre guerre antighe;
Ma questa a lungo andà poco ra votta,
Ra bocca eiva serrà d'erbe e d'ortighe:
Ro Mago presto o và, se mette sotta,
E o fà che ra messoira ro destrighe;
Poi co uña man o và drento attastando,
E con l'âtra ro Turco remorcando.

30
Dixe allora sta bestia: Ohei, Sciô Strion!
Là zù in cà dro diavo andemmo noî?
Ti no me ra sunavi chi a taston,
Se creivo ciù a ra spâ, che a i tœu nescioî
Dixe ro Mago: Taxi: êto mincion!
Lèvate d'int'ra testa sti doroî:
Sacci che Erode mæsmo aveiva l'uso
De passâ comme noî per sto pertuso.

31
Sto Ræ tâ grotta o fè quando o vorreiva
Tegnî in fren ro so poppolo nemigo:
Lê da ra torre, che nesciun ro veiva,
(Torre Antonia ciamâ da o grande amigo)
Bellamenti o passava, e o se ne zeiva
In ro famoso Tempio senza intrìgo.
Per chì o l'andava fœura de çittæ
Per chì o menava drento gente armæ.

32
Stradda sì fæta, e scura non ra sà
Persoña d'esto mondo âtro che mi;
E per questa a ra Sala s'anderà,
Onde ro Ræ ro sò conseggio unì,
Che in sti frangenti tanta poira o l'hâ
A segno de lasciâra squæxi lì.
Ti gh'arrivi a ra cheita: senti, e zitto,
Comme l'è tempo, sciorti, e fa politto.

[p. 138 modifica]

33
Così dixe ro Mago, e lê seguro
O s'intaña in tro bœuxo, e o và zù in scheña.
Ismen và avanti, e via per quello scuro,
Comme l'Orbo per man o te ro meña.
S'andò pr'un pezzo chin, ma in tro ciù duro
Ra grotta và in slargâ, ni gh'è ciù peña;
Sicchè l'ommo s'adrizza, e presto assæ
Arrivan d'esta taña a ra meitæ.

34
Allora Ismeno averto un Bordigotto
Sciù pr'uña scara van fæta a lumaçça.
Chì gh'era un pò de lumme, ma marotto,
Che per çærta firœüra o l'intra, e passa.
In fin se trœuvan drento d'un salotto,
E a uña sala poi van, ch'a pâ uña ciaçça
Donde ro Rè co i Turchi, in Trono o saggia
E o daræ dra Coroña in tra muraggia.

35
Soliman d'in tre quella nuvoretta
Non visto da nesciun, o guarda intorno,
E o sente d'Aladin ra predichetta,
Ch'o fava a ri sò Turchi quello giorno:
Fræ cari o ghe dixeiva, za uña fetta
Hêri n'emmo piggiaou; se ciù ro forno
S'ascâda, semmo cœutti, e no ne avanza,
Che sciù ro Ræ d'Egitto ra speranza.

36
Ma sto soccorso a mi o me pâ lontan,
E ro nostro perigo o l'è aspresciaoù.
Per questo ognun de voî me dagghe man,
Che a questo effetto chi mi v'ho ciamaoù.
Li o taxe: e ognun da lê studia cian cian
Sentendose de voxe un gran mescciaoù;
In fin con faccia allegra, e ardimentosa
Sáta sciù Argante, e ognun ten ra lengua ascosa:

37
Oh maestæ, se ho da parlâve ciæro,
(Questa fu ra risposta, chi dè Argante)
A cose ne ciammæ zùariso ræro!
Da studiâ, chi no gh'en cose tante:
Pù ve dirò: chi non leva ro læro
A ra candeira, a bruxa in un instante.
Ro mæ pareì, sto læro è de levâ
Fâse tanto de cœu, e andâse a dâ.

38
Ne mi parlo così, che dubitasse
Dell'aggiutto çertissimo d'Egitto:
Chi de mancá parolla giudicasse
Capâçe ro mæ Rè, faræ un delitto.
Ma diggo ben che mi vorræ re braççe
Vei manezâ da ognun senza desvitto.
Che a drito, a storto, a boña, o mala sciorte,
S'andasse là a fâ ferri o vitta, o morte.

39
Chì fé silenzio Argante comme a dî,
Che no ghe foisse cosa da pensaghe;
Ma Orcan levaoù sciû in pê se fa sentî:
St'ommo, che nobiltæ no pœu mancaghe,
Con ra spâ zà âtri tempi o fe' stordî.
Aoura però, mogê ch'han vosciùo daghe,
O l'ha misso ra spá torna in tra teiga,
E o stà li a demorâ co i Boggibreiga.

[p. 139 modifica]

40
Da mi (lê dixe) o Ræ, nò se pretende
Dà sciù ra voxe a quest'Ommo smargiasso,
Ch'o l'è solito a fa sempre facende,
E o l'hà ri barbixoin sciù ro mostaçço;
Si chè se troppo avanti, ancœu o l'estende
Rô pê, questo grand'ommo de Circasso,
Ch'o vagghe pù, che quando poi ghe tocca,
O fa varrei re moen, comme ra bocca.

41
Ma voi, che per l'etæ seì fæto accorto,
Che aveì re scienze in testa ciù supremme,
Adriççæ voi re gambe un pô a ro storto,
Consideræ quello che ciù ne premme:
Guardæ ben ro perigo, e ro conforto,
Cose gh'è da sperá, cose da temme:
Pensæ chi semmo noi, chi sta canaggia,
Che n'hà zà rovinaoù mêza muraggia.

42
Dìmmora comm'a l'è: noi veramente
Semmo in un lœugo forte per natura,
E per arte; ma se me ven in mente
Ro nemigo, me ven ra faccia scura.
Veddo dre Torre, macchine, e gren gente;
Chi sà che nò ne mandan tutti in pûra?
E se serræ chi drento noi staremmo
Senzá[sic] mangiá, che pesci piggeremmo?

43
E re vacche, e re pegore, e ra biava,
E re farinne entræ chi à sarvamento
Heri, quando re moen se manezava,
Vegnan, l'è vero, senza impedimento:
Poch'ægua, tante moen, brutta, e no lava;
Ghe vœu dra rôba; e se sto frosciamento
Dura guæri, e d'Egitto ri soccorsi
Tardan ciù ninte, son finîi i descorsi.

44
Ma cose fâ, se tardan? mi conçeddo
Che voi ve poei fiâ, dre sò promesse;
Ra vittoria però, però nò veddo
In libertæ queste muragge oppresse:
S'averemmo da batte con Gofreddo,
Con ri sò bravi, e con re gente istesse,
Che tante votte han zá rotti, e despersi
Ri Arabi, i Turchi, i Sorien, ri Persi.

45
E de che pasta son, ri ha ben provæ
Ciù d'uña votta ro Signor Argante,
E o sà se mai re spalle o gh'ha voltæ,
Menando ben de sprescia ro portante:
Ro sà Clorinda: son tutti informæ;
Sibben non gh'è nisciun chi digghe, e cante;
Mi nò pretendo de sprexà nesciun:
Quello chi se pœu fá, l'ha fæto ognun.

46
Ma ve dirò: si ben là con quell'œuggi
Me sciorbe Argante tutto inmorronaoù:
Mi veddo che i Françeixi comme scœuggi
Son duri, e ognun de lô l'è affortunaoù:
Che ne re suneran vœuggi o nò vœuggi,
Che ne faran de noî tanto stuffaoù:
Sà ro segnô se parlo con inganno!
Vorræ mentî, e nò veì questo malanno.

[p. 140 modifica]

47
De Tripoli ro Rè nò fù Bagian
Che lê o s'accomodò con ro Françeise;
Ma quello testa vœua de Soliman
O' o l'è morto, ò o l'è scciavo, ò o nò l'inteize,
O pù o se l'ha poá tanto lontan,
Che o servirà per vive a re so speise,
E pû o l'avræ posciûo accomodâse
Con spende dra monæa, e dechinâse.

48
Così questo o l'andava tartaggiando:
A ra larga a ra largha o ro piggiava,
Uña cosa con l'âtra remusciando,
Perchè a fâ paxe, o a rendise o incrinava;
Ma Soliman s'andava rozziggiando
Re dîe de raggia, e in tro so cœu o sciuppava;
Quando ghe dixe Ismen: ti pœu soffrî
Che se parle de ti con tanto ardì?

49
Corpo de mì! (o responde) mi revento!
D'insciù ra testa lêvame sto corno.
Dîto questo, ra nuvora ro vento
Ghe porta via, ch'o l'eìva sempre intorno.
E levaoù che ghe fu st'impedimento,
O se fa veî, comme ro Sô de giorno,
E lì o se mette a fâ uña gran caladda
Contro quella lenguetta sgazaradda.

50
Quello de chi se taggia, eìvero chì
Nì massacraoù, ni prexonê Sordan.
Un gran boxiardo è quello sciô chi è lì,
E ghe ro proverò con spâ a ra man.
Mi che sangue ho cavaoù (corpo de mì)
Che hò ammuggiaoù tanti morti in sciù ro cian,
D'accordio co' i nemixi? mi ciantaoù
Ri mæ compagni? mi dunque scappaoù?

51
Se gh'è quarch'atro, chi sæ d'est'umô
Traditô dra sò patria, senza fæ,
Chi vœuggie à ro sò Ræ fâ dezonô,
L'anderò á strangorá, dîme chi ò l'è?
Ra levre incontrerá ro Cacciadô,
Ra pegora a ro Lovo starà appæ,
Primma de vei ch'un ommo desunîo
Frà noi piggie dri Franchi ro partîo.

52
Con tutte doe re mœn sciù ra lardæra
Così parlando o fè ro diavo, e pêzo:
A tutti s'amortò ra luminæra
In veì satâ sta pæsta d'ommo a mêzo;
Pœuscia fætose un aria un pò ciú ciæra
O dixe a ro sò Ræ chi è sciù ro vêzo:
Cose serve de fá tanti descorsi?
Eìve chi Soliman: Questi en soccorsi!

53
Ro Ræ, che ad incontràro o s'era alzaoù,
Ghe responde, e o ghe dixe: Oh! ben vegnûo,
Caro amigo! se sarvo ti ê restaoù
Ti solo, giusto ninte emmo perdûo.
Ti te pœu redrizzâ: per ti sarvaoù
Ro mæ stato sará da sto derrûo,
Se così vœu ra sciorte; e in questo caxo
O l'abbraççò ben streito e o ghe dè un baxo.

[p. 141 modifica]

54
Finìe re çerimonie o vœu, e comanda
Che in Trono Soliman sêze in sò lœugo:
Ro Ræ ghe dà ra drita, e all'âtra banda
Sta attacco ro Strion, chi fè ro zœugo;
D intanto che a ro Turco o fa demanda
E a ogni demanda sò lê dà ro sfœugo,
Clorinda ven ra primma a saruáro
E poi ri atri maggioî tutti a onorâro.

55
Vêgne Ormusso fra ri atri, chi menò
Dall'Arabia i soccorsi a i Saraxen,
E quando ra battaggia s'imbroggiò
O seppe manezâra così ben,
(E ro scuro dra nœutte l'aggiuttò)
Che ghe rêscì scappâ da ri Crestien
E de portâ in Çittæ gran bestiamme,
E provexion da poeì levâ ra famme.

56
Solo con quella mudria da sasciæ
Se ne stà là imbuzaoù messê Circasso,
In aria d'un can corso, e o dà sguardæ,
Che pâ ch'o œugge sâtave a ro mostaçço;
E Orcan lê ascì scornaoù da cose tæ
Per no veì Soliman o stà zu basso:
Ro Soldan, e Aladin in tanto favan
Conseggio, e fra de lô se consultavan:

57
Ma Gofredo, ch'aveiva ro via vinti
Dæto a quella bruttissima canaggia
O feççe sotterâ tutti ri estinti,
Che per desgrazia eran restæ in battaggia;
Poi per ro lundeman tutti indistinti
O l'ordina che attaccan ra muraggia,
Ni o vœu lasciâri respirà un momento,
Per mantegnîghe in corpo ro spavento.

58
E perchè lê ò scrovì in quello maxello
Ra squadra chi ghe fê sempre piaxeì;
Ch'eran dri sò ciù cari, e o l'era quello
Strœuppo che Armida o seguitò daveì:
E Tancredi con lô, che in tro castello
Ra Birba ro tegniva in sò poeì;
De l'Eremitta solo a ra presenza,
E de poc'âtri o i ciamma in confidenza:

59
E o ghe dixe: vorræ saveì, se posso,
Ri caxi, che ve son intrevegnûi:
E comme in tr'un perigo così grosso,
Approposito tanto seì vegnûi.
Nesciun n'ardisce alzâghe ri œuggi adosso
Da ra vergœugna tutti trattegnûi.
Finarmente, Ghigærmo d'Inghilterra
Dixe così, levæ ri œuggi d'in terra.

60
Sibben no semmo stæti noî de quelli
Fra i dexe eletti, pû semmo partîi:
L'orbo amô ne piggiò pe ri cavelli
D'uña donna dabben: co i sò reggîi
A n'ha fæto fâ çento morinelli.
Girosi l'un con l'âtro e desunîi
Sempre a ne tegne: ah veddo troppo tardi
Che ri piaxeì dro mondo son bôxardi.

[p. 142 modifica]

61
A ne menò là donde finarmente
Doppo quello fatâ vizzio nefando,
Mandò ro çé de sciamme un fœugo ardente
Sciù quelli che l'andavan desprexando:
Lì fu terra feconda antigamente,
Ma ancœu gh'è un'ægua brutta, che allagando
A forma un lago; e in quanto giro o ten
Gh'è sempre spuzza e no gh'è mai seren.

62
In sto lago, chì un sascio, uña muraggia
Ghe bœutta, a no và affondo, ma a sta a galla,
E comme o foisse natta, o pû uña paggia
L'ommo, per così dì, ghe sâta e balla.
In mêzo gh'è un castello chi sbarbaggia,
E o se ghe và co'un ponte da ra spalla:
Chi drento a ne fa intrâ, ni mi sò dîve,
Comme chì Stæ, ni Uverno moæ gh'arrive

63
Lì gh'era un'aria dôçe e temperâ,
Sempre seren, nì ghe cioveiva moæ:
Gh'eran dre cose belle da guardâ,
Ærbori, frute, e scioî in quantitæ:
Se veiva un rusceletto intorno andâ,
Con ægue che metteivan giusto sæ,
Statue de marmo, e d'oro (no digg'âtro)
Ghe pareiva un magnifico Teatro.

64
Vexin all'ægua, donde gh'era ombrîa,
Appareggiâ se vimmo uña gran tôra:
Li se ghe veiva d'ogni mercanzia,
Çibbi da fâ vegnî tanto de gôra,
Un sguaçço dra ciù ricca argentaria,
E çærto a ne trattò da gran signora:
No sò dî quanti piatti ne vegnivan,
Sò che belle popoñe ne servivan.

65
Lê int're parolle dôçe a framescciava
In ro mangiâ sempre un sò fatto riso,
E ognun mæsmo de lê fin se scordava,
Che ne pareiva d'êsse in Paladiso.
Alzâ in sto mentre, a dixe: ve son scciava.
Aoura torno, e a retorna brutta in viso:
A mœuve ra bacchetta co uña man,
Con l'âtra a ten ro libbro, e a lêze cian.

66
E dementre ch'a lêze ra strioña,
Vaggo fœura de mì, cangio natura.
Stò[sic] per andâ int're l'ægua zù a ra boña:
Me ghe bollo, e no son ciù creatura,
N'ho ciù braççe, ni gambe, ni persoña,
N'ho d'ommo ninte affæto ciù figura:
Me restrenzo, me scurso, e tutt'a un træto
Son pescio, e no sò comme m'agge fæto.

67
Comme mi, così ogn'âtro trasformaoù
Nûemmo comme tonni in tre tonnære:
Cose conto non è caxo inventaoù,
Quantõque un sœunno a voî, e a mi o me poære;
Pœuscia de lì a un pessetto m'è tornaoù
Ra figura, chi m'ha dæto me moære:
Stavimo intanto lì senza parlâ,
E ra stria n'incomença a menaççâ.

[p. 143 modifica]

68
E a dixe: mæ patroin, ve seì zà accorti
Dra grande aoutoritæ che ho sciù de voî:
Mì porreiva mandave a stâ co i morti,
O chì serræ, fâve passâ ri umoî,
E dë[sic] drîti cangiâve in tanti storti;
Fave andâ comme i Bœu a doî a doî,
E dave fra voî âtri dre cornæ,
In Becco, in Sascio, in Diavo trasformæ.

69
Ma tutti sti maranni schivereì.
Con fâ sto pittin solo che demando:
Fæve ancœu Turchi de Crestien che seì,
E andæ contro Buglion ben caminando:
Tutti ghe respondemmo, nò da veì:
Rambaldo solo, te m'arrecomando,
Fè ra scapolla, e noî, perchè costanti,
A ne tornò a serrâ zù tutti quanti.

70
In sto Castello mæsmo a sciorte vegne
Tancredi, che ancon lé fû prexonê;
Ma in tra prexon pochissimo a ne tegne
Sta donna fása, e, inteisi ciù inderrê,
Che a trâneghe de man infin l'ottegne
Dro gran Ræ de Damasco un messaggê;
Poi d'Egitto a ro Ræ fra çento armæ
A ne mandava tutti incadenæ.

71
Così s'andava avanti: ma chi mœuve
D'in Çê re cose, e a moddo sò o re aggiusta,
Rinaldo o ne mandò, dro quæ re prœuve
De tanto spantegâre Famma e frusta.
St'ommo invœuggiaoù de fâ prodezze nœuve
Re guardie investe, e con ra man robusta
Quelle o batte, o ne sarva, e de quell'arme
Ch'eran zà nostre, o fa che ognun se n'arme.

72
Questi, e mi l'emmo visto, e s'emmo dæto
Abbraççi e baxi con sto caro amigo:
E chi ha sparsa ra voxe, ch'o sæ stæto
Morto, e ammassaoù, non è zà vero un figo:
L'emmo lasciaoù l'âtr'heri e o se n'è andæto
In Antiocchia con un çært'ommo antigo;
E rotta e insanguinâ ra sô armadura
O te l'ha ciantâ là sciù ra verdura.

73
Finîo questo descorso, l'Eremitta
Tuttto[sic] in ra faccia e in ri œuggi luminoso
Aoura o stende re braççe, aoura o s'agritta
Verso re stelle (o caxo prodiggioso!)
E comme træto ven da calamitta
Ro ferro, così in Çê lê tutto è ascoso;
E lì cose uscirà dall'etæ pregna,
(Atro che masccio, o figgia) se gh'insegna

74
E co uña voxe cæra e rebombante,
Profetizando o se mette a criâ.
Tutti a questo sò crîo sì stravagante
Porzan l'oreggia senza dî ni fâ.
Vive Rinaldo, o dixe, uña forfante
Sibben che ra sò morte ha spantegâ:
O vive, e ro Segnô ro têgne in pê
A dâ sempre maggioî prœuve de lê.

[p. 144 modifica]

75
Dro resto en bagatelle, e frascarîe
Re cose, ch'Axia ancœu ciamma bravure:
Mi veddo ciæro, e no conto bôxîe,
Che a Barbarossa o sccianerà e costure,
E a força dre sœu belle varentîe
Ra Gexa, e Romma o renderà segure,
E andando avanti poi de man in man,
Figgi simili a lê ne nasceran.

76
E ri figgi dri figgi, e tutti quelli
Che nasceran da lô, con questa scœura,
Daran ro fî ciù forte a ri cotelli,
Per ascannâ quelli ch'uscissan fœura
A scaveggiâ a ra Gexa ri cavelli;
E a i superbi faran menâ ra sœura;
Così l'Aquila Estense a svœurerà
Vittoriosa in çê, e ancon ciù in là.

77
E l'è ben giusto se ro vero o guarda,
Che a San Pero o provedde re saette,
E a chi ghe vorrà fâ guerra gaggiarda,
Ch'o l'ammenestre botte maledette.
De natura ro çê pronta e non tarda
L'ha fæto, e in ciampanelle benchè o dette
Aoura o dovrà torná (che Dio gh'ha gusto)
Quest'impreiza a finî st'ommo robusto.

78
Con ste parolle, o mette ro sigillo
Pêro a ra vitta de Rinaldo invitto;
E comme doppo inteiso un bello trillo,
Ognun batte dre moen: solo stà zitto
Goffredo: ma ra nœutte in questo axillo
A ven vestîa da Zingara d'Egitto:
Van a dormî i patroin e ri operarii,
Solo Goffredo attende a fâ lunarii.


FIN DRO X. CANTO.