Ra Gerusalemme deliverâ/Canto XII.

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Paolo Toso

Canto XII. ../Canto XI. ../Canto XIII. IncludiIntestazione 26 aprile 2014 75% Da definire

Canto XI. Canto XIII.
[p. 158 modifica]

CANTO XII.

Tradûto in Lengua Zeneize

DA RO SIG. PAOLO TOSO

past. arcad.


ARGUMENTO.

Clorinda, da sò Tatta in primma inteisa
L'Istoria dra sò vitta, sconosciúa,
A ro campo se porta a l'âta impreisa,
E ra compisce; ma dapoi credûa
Un’ommo da Tancredi, lì strateisa
A lascia, e batezâ per sò ventûa.
Lê morta infin ra cianze. Argante morte
A Tancredi de dâ giastemma forte.


1

C
omme in bocca a ro Lovo era zà scuro,

E tutti, benchè stracchi, eran levæ.
Da uña parte ri Franchi ciù in seguro
Metteivan ri lavoî za preparæ:
Dall'átra ri Paghen, perchè, ciù duro
Ro contrasto seguisse, a ra çittæ
Cresceivan re defeise, e tutti unîi
Davan ri sœu recatti a ri ferîi.

2
Eran missi ri inciastri a ogni ferîa,
E fæto in re facende dro camin,
Ma avanzando ra nœutte ognun s'invîa
A accostâ re sœu oregge a ro coscin.
Pù no se ferma ra Guerrera ardîa,
Che in ro ponto d'onô l'è un Palladin,
E tutti a sproña. Argante ghe stà attacco:
Lê pensa, e frà lê dixe: Zurabacco:

3
Anchœu ro Ræ dri Turchi, e messê Argante
Han fæto maravegge mai sentîe;
Che soli andon fra tante squadre, e tante,
E fraccasson re macchine finîe.
E mi non diggo zà, che in quell'instante
Quarcosa n'agge fæto mi assîe
Con re freccie ho mandaoù molti a Pilatto.
E non sa fá uña donna âtro sciaratto?

4
Quanto mêgio saræ, che sciù ri monti
Andasse a scorratâ per l'oxellêra,
Che fáme credde da sti bravi Conti,
Non âtro, ch'uña misera piscêra.
Per cose no me metto a dá dri ponti,
E no me tiro sciù ra cavellêra?
Così a parla, ma pœu mêgio pensaoù
A dixe a lê, ch'a l'ha lì da ro laoù.

[p. 159 modifica]

5
Argante: l'è un gran pezzo, che int'ra testa
Me sento un non so che, chi me fa fâ
Mille castelli in aria; o ch'a sæ questa
Voxe dro çê, senz'âtro a me ro pâ.
Veivo là quelli lummi, e donde resta
Ra Torre da ri Franchi fabricâ?
A quella vœuggio dâ mi mæsma fœugo:
Che a vagghe come a vœu, me metto in zœugo.

6
Ma se mi resterò per mæ sventura
In ro retorno fœura dra çittæ,
Ro mæ vêgio, e re donne in vostra cura
Ve lascio per derrera vorentæ.
Ve prego, che in Egitto con segura,
E pronta imbarcazion seggian portæ.
Fælo, Signor, che ro sò sesso, e ri anni
Vœuran, che ri levæ da sti malanni.

7
Resta de stucco Argante, e in tro gippon
Se sente, che l'onô ghe dà ri balli.
Ti faræ questo, o dixe, e mi, mincion,
Resterò chì serraoù comme ri galli?
E a ra vista starò comme un pascion
E dro lumme, e dre sciamme? Ah questi falli
Non farò miga; anzi son fermo, e forte
De seguite a ra gloria, o pù a ra morte.

8
Intr'o mæ cœu ra poîra non s'attrœuva,
E sò cangiâ con ro mæ onó ra vitta:
Ti n'hæ dæto, lê dixe, uña gran prœuva
Con ra sciortîa, e ti hæ fæto de vitta.
Pù mi son donna, e sta çittæ non prœuva
Danno nisciun, benchè faççe uña schitta;
Ma se ti poi ti ghe lasci re osse,
Chi ghe sarà, che liberâ ra posse?

9
Allora o replicò. Ti pœu ben sbatte
Forte quanto ti vœu, n'importa un figo.
Se ti me vœu con ti son pronto a batte
Ro tò camin, s'âtr'è da mi me sbrigo.
Van da ro Ræ senza ciù stâ a scombatte,
Che con ri âtri so bravi, comme amigo
Tutti doî reçevè. Signor, sentî,
Disse Clorinda, cose vœuggio dî.

10
Argante, chi non dixe spampanate,
Dri Franchi a ra gran Torre vœu dâ fœugo:
Mi, sibben donna, non maravegiâte,
Vœuggio con lê êse a parte d'esto zœugo.
Arzò re moen ro Ræ quanto o poette âte,
E sæn laudæ (fæto de cianze un sfœugo)
(Dixe) re stelle in çê, che me protezan,
E ro Regno chi cazze ancon me rezan!

11
Nè zà sì presto cazzerà, se tali
Forti coraggi ghe fan scuddo avanti;
Ma comme posso mi rendive uguali
A re vostre prodesse i paraguanti?
Dra groria, che ve fa sempre immortali,
Ra famma n'impirà tutti ri canti.
Ro fæto v'è de premio, e premio in parte
Ve sæ dro Regno mæ ra mêgio parte.

[p. 160 modifica]

12
Così parla ro Ræ, poi con gran festa,
E questa, e quello streitamente abbraçça:
Ro Soldan gh'è presente, e manifesta
Ra giusta invidia se ghe leze in façça,
Onde, o dixe, ra spâ l'ho mi assì lesta,
Vêgno compagno, e so donde se passa:
Ghe responde Clorinda: e ra çittæ
A chi, se voî vegnî, ra confiæ?

13
Pù ro feroçe Argante con diverso
Moddo risposta ghe vorreiva dâ:
Ma, piggiaoù Soliman pe ro sò verso,
Ro Ræ ghe disse: cose vœutto fâ?
No gh'è çærto nisciun per l'universo
Che prœuva n'aggie fæto dra tò spâ:
Che perigo nisciun te dà spavento,
E provâ ti te pœu contro de çento.

14
Mi so che tì per fâ cose stupende
Ti ê ra manna dro çê, ma no sta ben,
Che non reste nisciun, che ne defende
Da ri furioxi assâti dri Crestien.
Quantunque ro mæ poeî fin chi s'estende
De fâ, che lô non vaggan, no conven,
Perchè nisciun porrà con ciù vantaggio,
Ra gran Torre de lô mandâ in marviaggio.

15
Ma perchè re defeize dra gran Torre
Son così da pertutto asseguræ,
Che andâghe pochi incontro non occorre,
E saræ un desbaratto andâghe assæ.
Voî doî, che insemme çento votte a corre
D'est'incontri ve seì solo trovæ,
Andæghe soli pù, che seì bastanti
A fâ ciù fazion, che mille Fanti.

16
Ti però sciù re porte in tò bon'ora
Stamme con ri âtri molto ben attento,
E quando, comme spero, sarà l'ora
Dro sò retorno, e sæ riuscîo l'intento,
Se ro nemigo ri inseguisce, allora
Ti dagghe addosso, e lô retira drento.
Così dixeiva un Ræ, l'âtro taxeiva
Ma de raggia, e venin o se rodeiva.

17
Allora Ismen spuò questa sentenza:
Un pô de fremma amixi: Aspetæ tanto,
Che de fœugo un æstræto, e quintescenza
De catran mi ve faççe, che in un canto
Misso, che o sæ de questa Torre immensa
Vireì, che lê, e chi ra guarda, in quanto
Ro diggo bruxerà. Sì stabilîo
Ognun d'aspêtâ lê piggiò partîo.

18
E de l'elmo, e de l'arme se despœuggia
Clorinda, e lascia l'abito d'argento,
E per so malo augurio ghe ven vœuggia
De mettisene un neigro, e ruzzenento,
Credendo passâ mêgio in quella fœuggia
Tra mêzo ro nemigo accampamento.
Vedde L'Eunuco Arzê tutto st'imbrœuggio
Lê che addosso ghe stà sempre con l'œuggio.

[p. 161 modifica]

19
E benchè vêgio in ogni parte, e stanco
Attaccaoù ghe stà sempre a re fádette:
Pe re arme cangiæ da o ciù a ro manco
Dro perigo o s'accorze onde a se mette;
Per questo o se despera, e ro crin gianco
Streppandose, ra prega, che a desmette
De tentâ per sò amô questa ventura,
Ma con ciù lê ra vonze a l'è ciù dura:

20
Onde o ghe disse infin: Za che ostinâ
Ti çerchi ti ro mâ come ri Mêghi,
Che ni l'antiga etæ te pœu cêgâ,
Ni ti te mœuvi a tutti ri mæ preghi,
Dra vitta, e condizion da ti menâ
Ri caxi te dirò mi tutti intreghi:
Seguita, o scarta pœu ro me conseggio;
O dixe. E quella arvì tanto d'oreggio:

21
Rezeiva l'Etiopia, e forse ancora
Senapo con fortuña ra governa,
Ro quæ ra lezze dri Crestien onora
Con culto, e devozion ancon esterna:
Aveivo mi, Pagan, ra cura allora
Con âtre donne, dra sò casa interna,
E de ciù ero ministro dra Regiña,
Che benchè bruña l'è beltæ diviña.

22
Sò marîo ne va matto, ma de drento
Uña gran giroxia ro roziggia,
Ra quâ, crescendo sempre a ogni momento
De tutto ro sò cœu possesso a piggia;
Onde o ra serra ciù, che intr'un convento
Custodî no fareiva uña so figgia;
Ma lê, chi ro conosce, e sofre, e taxe,
E in quello, che o comanda ro compiaxe:

23
Se vedde in ra so stanza ben depente
D'uña devota istoria re figure.
Lì d'uña figgia gianca a un drago arrente
Ligâ, ghe son diverse positure:
Un Cavagero ammazza ro serpente
Che con l'asta ha piggiaoù ben re mesure
Chì spesso a s'inzenoggia, e se confessa,
E quando a g'ha ro Præve a sente messa.

24
Frattanto a resta gravia, e partorisce
Tutta gianca uña figgia, e ti ti ê quella:
In vedde questa cosa instupidisce,
E per timô ghe ven ra tarantella;
Perchè l'umô dro Ræ lê ben capisce
Vœu occultâghe ra figgia, onde da quella
Insolita gianchezza o n'argomente,
Che a l'agge un pô bruttaoù ra sò patente.

25
E vœu mette in tò lœugo, uña figgietta
Neigra, che un poco avanti era nasciûa,
E siccomme sta cosa in ra Torretta
Nisciun'âtri, e mi solo l'ha sapûa,
Ancon non battezâ, ra poveretta,
Te misse in tre mæ moen lì bella nûa.
Nè za dâte battesimo a poreiva,
Che l'uso dro paeise no vorreiva.

[p. 162 modifica]

26
Cianzendo a m'ordinò, che ro tettin
Dâ mi te faççe, e assæ lunxi allevâ.
E faççendo lamente senza fin
L'urtima votta ancon te vœu baxâ;
Pœu repensando sciù ro tò destin,
No lasciava zœu moæ de sospirâ:
A disse infin. Segnô, che tutto seì
E l'interno dro cœu tutto poeì veì.

27
Se ro mæ cœu l'è puro, e che ve poære
Dra mæ fede ro Ræ pœu stâne quêto:
Per mì za no ve prego, Eterno Poære,
Che dre pecchæ n'ho fæto per despéto,
Sarvæme questa figgia, a chi sò moære
Nega per fin ro læte dro sò pêto.
Dra mæ sola onestæ se faççe spêgio,
E in ra fortuña dæghe ro sò mêgio.

28
O gran ZORZO ti, che ra garzoña
Ti hæ levaoù da ri morxi dro serpente;
Se ho aççeiso canderette a ra to Ancoña,
E se mai t'ho porzûo quarche presente,
Fatte sò scuddo con ra to persoña,
E fa, che all'occaxion lê ben ro sente,
Sì a disse, e ro dorô chi ra feriva
A fe restâ lì smorta, e semiviva.

29
Mi cianzendo de fœura intr'un çestin
De fœugge, e scioî coværta te porteì,
T'ascosi da ri amixi, e a ri vexin,
Ni manco ro sospetto ne lascieì.
Me n'andeì sconosciûo, e per camin,
Intr'un bosco assæ denso m'incontreì,
E veddo, che uña tigre a se m'appoggia,
Che me feççe vegnî ra scagaboggia.

30
Monteì fito sciù 'n ærboro, e sciù l'ærba
Te lascieì sola pe ra mæ gran poîra.
Vêgne ro gran bestion, e ra superba
Testa sbattendo te piggiò de mira,
Ma mitigando pœu ra vista acerba,
Con fâte attorno gnottore se gira,
Poi s'avvixiña addaxo, e te fa vezzi
E mentre lê te lecca l'accarezzi.

31
E burlattando seigo a ro sò muso
Ra tenera tò man segura stendi:
Te mostra ro tettin, e apponto all'uso
D'uña mamma s'asquatta, e ti l'intendi;
Ma mentre de lasciù miro confuso
Tutti questi miracori stupendi,
Ra tigre che te vedde dro sò læte
Ben saola, se ne va pe re sò træte.

32
Câro subbito in terra, e ro viaggio
Mæsmo repiggio con portate in braçço.
E misso casa infin intr'un Vilaggio,
Ben d'arrescoso lì allevâ te façço.
Ghe steì, fin che ro Sô con ro sò raggio
Compì doggio ro corso, e ti ro passo
No saveivi ancon fâ senza piccaggia,
E parlavi barbotto da tartaggia.

[p. 163 modifica]

33
Ma essendo arrivaoù là, dove decliña
L'etæ zœu moæ cadente a ra vegiezza,
Ricco, e sazio dro ben, che ra Regiña
Me dette in ro partî con splendidezza,
Da quella vitta errante, e pellegriña
De repatriá me vêgne ra vaghezza,
E passâ tra ri mæ ri anni a ro fœugo,
E fâ quarche panzata da ro cœugo.

34
Te piggio in braçço, za che n'ho âtro mêzo,
E verso ri Egizien ri passi mœuvo;
Ma int'ro ciù bello dro camin, in mêzo
E d'un fiumme, e dri laddri mi m'attrœuvo,
Che posso fâ? lasciâte lì? de pezo
Pensâ non posso, e de morî n'apprœuvo.
A nœuo me caccio, e da uña man te têgno
Con l'âtra de passâ l'ægua m'inzêgno.

35
Comme ro scento o corre, e in mêzo l'onda
In lê mæsma se ceiga, e se rezira;
Ma là, dove ciù a curla, e se sprofonda
De mi fa venturella, e zù me tira.
Lantô te lascio, ma t'ærze, e segonda
L'ægua, e ro vento a ti propizio spira;
E libera te porta in sciù l'areña,
Stanco morto dappœu gh'arrivo appeña.

36
Te piggio allegro, e poi ra nœutte, quando
No se sentiva ciù un moscin zilâ,
Viddi in sœunno un Signor, che menaççando
Missome sciù ro morro ro pugnâ,
Disse con furîa: Quello te comando,
Che so moære ordinò dovessi fâ:
Battezzâ questa figgia, che ho in mæ cura,
E che per lê ro cê vœu tutta pura.

37
Mi son, che ra protezo, e mi ra mente
A ra tigre, e a ro fiumme apponto ho dæto,
Se a ro sœunno dro çê ti no dæ mente,
Guarda ben ti ê spedîo dro tutto affæto.
M'addescio, e staggo sciù, poi prontamente
Parto de lì, ch'era za giorno fæto;
Ma perchè ra mæ fe vera credeì,
Ni a sœunno, ni a battæsmo ciù penseì,

38
Ni all'orde de to moære: onde nutrîa
Fosti pagaña, e t'ascondeì ro vero.
Cresciûa da pœu tra re arme forte, e ardîa
A ri ommi ti no çedi manco un zero.
Ti hæ acquistaoù terre, e famma: e dî ra vîa,
Che doppo ti hæ tegnûo n'è mæ pensciero;
Ti sæ però, che servo, e poære insemme
T'ho servîo per timon, comme per remme.

39
Heri pœu all'arba, a ra mæ mente oppressa
Da un grande sœunno, ch'era fræ dra morte,
S'appresentò da bon ra vixion stessa,
Ma in ciù torbido aspetto, e in ton ciù forte:
Veìto, disse, filon, l'ora s'appressa,
Che ha da cangiâ Clorinda e vitta, e sciorte;
Mæ a sarà senza ti, vœuggi, o non vœuggi:
Disse, e poi me sparì davanti a ri œuggi.

[p. 164 modifica]

40
Figgia cara ti senti, che menaçça
Contro de ti ro çê strañii aççidenti.
Mi no sò miga, ma, forse a non passa,
Che ti neghi ra fe dri tœu parenti.
Forse che a l'è ra vera. Ah fito slaçça
Quest'arme, e lascia andâ ste vœuggie ardenti.
Chì o taxe, e cianze; e quella pensa, e sûa
Pr'uña mæsma vixion, che gh'è vengûa.

41
Fæto bocca da rîe a disse infin:
Vœuggio seguî ra fe, che me pâ vera,
E che ho sussaoù per ti con ro tettin,
Siben, ch'aoura ti vœu vôze bandêra;
Nè, infin, ch'aggie a st'impreisa dæto fin,
Vœuggio posâ quest'arme, e sta visiera,
Quando avessi ra morte ancon davanti,
Che'ha fæto za fuzzî tanti, e poi tanti.

42
Poi ro conforta, e perchè zà l'è l'ora
De mette man a questo brutto intrigo,
Parte con quello senza fâ demora,
Che con lê se vœu espoñe a ro perigo.
Con lô s'unisce Ismen giust'in bon'ora,
Che ghe regorda ro coraggio antigo,
E doe balle impastæ con dri bitummi
Ghe porze, e lanternetta per i lummi.

43
Taxendo escian de nœutte, e pe ra balza
Corran serræ con passo longo, e spesso,
Tanto che a quella parte, onde s'innalza
Ra macchina nemiga son d'appresso.
Pe ro sangue ascâdaoù ro cœu ghe balza
E gh'esce quæsi fœu dro pêto istesso.
Atro che sangue, e fœugo n'han in cœu.
Chi va là? cria ra Guardia, quanto a pœu.

44
Lô zitti van avanti, onde chi guarda
Ro passo, in âta voxe all'arme crîa;
Ma ciù non se nasconde, e non retarda
Lantô ra brava copia a corrî via;
Comme in un tempo fulmine, o bombarda
Con ro lampo, e ro tron bœutta ra prîa:
Mœuvese, ed arrivâ, sforzâ ra gente,
E penetrâra, fu tutto in un mente.

45
Infin non zà senza uña gran battaggia
Arrivan ro disegno a terminâ,
Perchè ro fœugo ascoso a ra muraggia
Dra Torre comenzan tosto a attaccâ.
Chi pœu dî comme presto lê se straggia
Per re tôre dre quæ l'è fabricâ,
E comme da per tutto ro gran fumme
Dre stelle crœuve in çê ro cæro lumme.

46
Voî veì balloin de sciamme in ogni lœugo
Fra nuvore de fumme all'aria alzâse:
Sciuscia ro vento, e dà forza a ro fœugo
Che zà comença tutto a consumâse.
Veddan con gran terrô sto brutto zœugo,
Ri Franchi, e tutti van presto ad armâse.
Ra mole immensa, e ro terrô dra guerra,
Costâ tante fatighe, un'ora atterra.

[p. 165 modifica]

47
Intanto de Crestien doe compagnie,
Dove bruxa ra Torre corran pronte.
Menaçça Argante: ammorterò ben mie
Sto fœugo con dro sangue, e ghe fa fronte,
Pû insemme con Clorinda a queste chie
Çede, e torna a passâ ro mæsmo monte.
Ra gente in dâghe addosso, che se mœuve
Cresce ciù, che un torrente, quando ciœuve.

48
E spalancâ ra porta, se gh'attrœuva
O Ræ, che ha ra sò gente sq[u]addronâ
Per crovî ri mandæ per sì gran prœuva
Se han ra sciorte propizia in retornâ.
Lô stan sciù ra porta, e indærno prœuva
Ro Franco de voreila superâ,
Che l'urta, e scaccia Soliman, e ciusa
E' poi ra porta, e n'è Clorinda esclusa.

49
Esclusa sola a fu, perchè in quell'ora
Che fun serræ re porte, lê se mosse
Pe castigâ Arimon, che giusto allora
Con un legno nissaoù gh'aveiva re osse,
A fe re sœu vendette, e Argante ancora
Non s'era accorto, che ciù lì a non fosse,
Che levava ra carca, e l'aria scura
Ra vista, e ro tegnî dri âtri ra cura.

50
Ma doppo, che a se fu ben vendicâ
Con ro sangue nemigo, e in lê revegne,
Vidde serræ re porte, e attorniâ
Da ri Franchi, per morta lê se tegne;
Ma pû zà, che nisciun ra sta a guardâ
Ro moddo de salvâse ghe sovegne,
Con finzise Françeise, e bellamente
S'asconde cian-cianin fra quella gente.

51
Comme, quando ro Lovo, s'o l'ha fæto
Boña preisa, in tro bosco s'intafura,
Così lê se ne va per quello træto
Ascosa a ro favô dra nœutte scura.
Tancredi solo ra conosce, e stæto
Era presente a quella sò bravura,
O vì ammaççâ Arimon, ghe ne fe' fê,
Ne ciù ghe lasciò l'œuggio de derê.

52
Vœu provâla con re arme; e ben se stimma
D'aveì co un’ommo pari sò da fâ.
Lê gira dra colliña sciù ra çimma
Pensando in l'âtra porta ancon d'intrá,
Tancredi ghe va appresso, onde assæ primma,
Che a l'arrive, o fa sì re arme sœunnâ,
Che, votta, a cria: A che corri sì forte?
Che porti? Porto, o dixe, e guerra, e morte

53
Ti averæ guerra, e morte, e son provisto
Per dâtela, lê dixe, e ferma attende:
Tancredi lascia ro cavallo, visto
A pê ro sò nemigo, e ne descende.
Impugnan tutti doî ro ferro tristo
E de bile, e venin ognun s'aççende,
E s'incontra ben fito a ra manêra
De doî tori furioxi in giostra vera.

[p. 166 modifica]

54
Degne dro cæro Sô, degne d'un Mondo
Sareivan queste cose memorande
Nœutte, che int'ro tò scûro ciù profondo
Ti hæ vosciûo sotterrâ fæto sì grande,
Lascia, che da sì neigro, e tetro fondo
A ra luxe futura ro tramande;
Sgœure de lô ra famma, e per sò gloria
Spicche dro fosco tò ra gran memoria.

55
Non schivâ, non parâ, non retiráse,
Vœuran lô doî, nè chì destrezza ha parte
No se dan botte scarse, o piñe, o fâse,
Leva l'ombra, e venin l'uso dell'arte:
L'uña, e l'âtra dre spoæ sentî scontrâse
A mêzo ferro: pê d'orma non parte.
Sempre fermo è ro pê, re moen a nœuo,
Ni cazze taggio mai, ni ponta a vœuo.

56
Ro sdegno pointo da re offeise addescia
Vendetta, e questa pœu raggia renœuva,
Onde sempre a ferî, sempre a ra sprescia
Nœuva ponta s'azonze, e caxon nœuva.
Se strenze ra battaggia con ciù a mescia.
Servîse ciù dra spâ nisciun apprœuva,
Con ri pommi se dan botte arraggæ,
E con ri ælmi, e ri scuddi dre testæ.

57
Træ votte l'ommo ra gran donna abbraçça
Con tutta ra sò forza, ed átrettante
Da quelli streiti groppi lê se slaçça,
Che son groppi nemighi, e non d'amante.
Piggian torna ra spâ, e ognun ra passa
Intr'a vitta ciù votte, e stanco, e ansciante
Infin e quello, e questa se retira,
E dopo tanto fatigâ respira.

58
Un guarda l'âtro, e dro sò corpo esangue
Appoggia sciù ra spá ro grave peiso.
Dra Stella urtima zà ra luxe langue
A ro primmo scciattâ dro raggio aççeiso.
Vedde Tancredi, che l'è ciù ro sangue
Dro sò nemigo, e lê ciù poco offeiso,
Ne giubbila, e fa festa. A l'è finîa
O dà pre un po de diccia in frenexìa.

59
Mincion de cose godi? oh quanto mesti
Saran ri tœu trionfi, e ri contenti!
Ri œuggi tœu pagheran, se in vitta resti
D'esto sangue ogni stissa un má de centi.
Così senza parlâ, senza fâ gesti
Stettan lì tutti doî quarche momenti,
Finarmente parlò Tancredi, e disse
Perchè ro nomme sò l'âtro scrovisse.

60
Nostra desdiccia è ben, che chì impieghemmo
Tanto valô, che ro silenzio crœuve;
Ma zà che è destinaoù, che noî n'aggemmo
Ni lode, o testimonj a re gren prœuve,
Te prego (se conven, che se preghemmo)'
Lascia, che posse ro tò nomme scrœuve,
Affin che sacce o vinto, o vinçitô
Chi avrà dra morte, o dra me vitta onô.

[p. 167 modifica]

61
Quella ghe dixe: Ti questo da mie
Non saveræ, ni ro farò paleise:
Ma chionque mi me sæ, ti veddi chie
Çerto un dri doî, che ra gran Torre aççeise.
Tancredi allora in sentì dî cossìe,
In mâ ponto ti hæ fæto d'este impreise:
Ro to dî, e taxeî, disse, m'affretta,
Indegno, e senza gaibo, a ra vendetta.

62
Torna l'odio intr'i cœu, e ri trasporta
Senza poeì ciù stâ drîti a ra battaggia,
Dove l'arte, e ra forza è quæxi morta,
Dove combatte in lœugo sò ra raggia.
O quanto grande, e spaventosa porta
Fa l'uña, e l'âtra spâ, s'a ponze, o taggia
Re arme, o pû ra carne! e se non mœuran
L'è che ro sdegno, e ro venin no vœuran.

63
Comme ro mâ, quando cessaoù ro vento,
Che primma ro scommosse in âto in basso,
Non se quêta però, ma ro spavento
Consærva ancon dro moto, e dro fracasso;
Così quantunque con ro sangue spento
A lô ghe manche ro vigô dro braçço;
Pû dall'ira animæ tornan sti chie
A refâ ciù profonde re ferîe.

64
Ma zœu moæ arriva ro fatale fin
A ra brava Clorinda destinaoù.
Ra spâ ghe ficca in mêzo dri tettin,
Che in passâri se fa de sangue un sciaoù,
E ro vestì traponto d'oro fin,
Tutto resta da questo imbernissaoù.
Ra poveretta, che stà in pê ciù appeña
Ro cœu sente mancâse, e ghe ven peña.

65
Lê segue ra vittoria de tâ meña,
Strenze Clorinda senza usá pietæ,
Che ra meschiña cazze, e pœu ciù appeña
L'urtima proferì sò vorentæ,
Che allora in mente un bon penscêo ghe meña
De Fede, de Speranza, e Caritæ,
Virtù, che Dio gh'infonde, e se uña liggia
Fu mentre a visse, ra vœu in morte figgia.

6
Te daggo ro perdon: Ti hæ visto, amigo:
Perdoname ti ascì: non ro demando
Per questo corpo, che n'importa un figo,
L'añima sola mi te raccomando,
Dagghe battæsmo, e lêvera d'intrigo.
In questa voxe, che lê va formando
O sente un non sò che, che l'odio franze,
E fa che questo se conværte in cianze.

67
Poco lontan de lì scorre da un monte
Tutto fresco d'argento un rianetto:
Gh'andò Tancredi, e l'elmo impì int'ro fonte,
E tornò a fâ l'offizio benedetto
Sentì tremâ ra man, mentre d'in fronte,
Per battezâra, ghe levò l'elmetto.
Ra vidde, ra conobbe: ah restò senza
E voxe, e moto! Ah vista! ah conoscenza.

[p. 168 modifica]

68
Non morì zà, che tutta in quell'istante
Ra forza addœuverò che ghe restava,
E se misse uña vitta ciù costante
A dâ con l'ægua a chi ra morte o dava;
Mentre, che o dixe re parolle sante
Lê tutta d'allegrezza giubbilava,
E pâ, che tanto de morî ghe piaxe,
Che a dixe, votta in çê, mi vaggo in paxe.

69
Ra pallidezza sciù ra gianca cera
Pâ un’intreçço de livii, e viovetta.
In çê a ten fissi ri œuggi, e ra carera
Ro Sô per veira un poco manco affretta.
E verso quello alzando in ra manera,
Che a pœu ra bella man freida, e smortetta,
Ghe dà pegno de paxe, e in queste forme
Passa ra bella donna, e pâ ch'a dorme.

70
Comme l'añima bella o vedde uscîa,
Ghe manca ro vigô zà radunaoù,
E dro dorô çedendo a ra pazzia
Se fa tutto sò scciavo incadenaoù,
Che in serrâghe ro cœu gh'arve ra via
Ciù presta de tirâ l'urtimo sciaoù.
Zà assemeggia ro morto con l'esangue
Ro corô, ro taxeì, ri atti, e ro sangue:

71
E sdegnando uña vitta, che o fuzziva,
E da poco retegno era fermâ,
L'añima dra sò cara infin seguiva,
Che poco tempo avanti era spirâ.
Ma chì uña squaddra de Françeisi arriva
In çerchia de foraggi pe' l'armâ,
E con ra donna ro Guerrê se porta
In lê ma vivo, e morto in chi era morta.

72
E perchè ro sò Cappo in lontananza
Re arme ha viste dro Prinçipe Crestian,
Fito gh'accorre, e da ra somegianza
Chi a sæ ra morta tocca pœu con man,
Ne zà lasciâ dri lovi a ra possanza
Vœu ro corpo, ch'o stimma ancon pagan;
Onde portâ fa l'uña, e l'âtro in braçço
De Tancredi a ra tenda a lento passo.

73
Ninte affæto fin'aoura se resente
Per questo moto ro Guerrê ferîo,
Pœu da qualche respiro, che se sente,
Ben se conosce, che o n'è ancon spedîo;
Ma per l'átro se vedde cæramente
Che ro corso dra vitta o l'ha finîo.
Così insemme a ra tenda son portæ,
Ma poi in lœugo diværso accomodæ.

74
Ri pietosi lacchê son zà d'intorno
A ro letto affannæ de sò patron,
Che zà ro cæro a veì torna dro giorno,
E sente dri Barbê l'operazion.
Pû s'agge fæto in lê ro sò retorno
Ra confusa sò mente o non sà ancon.
Stordîo o guarda intorno, e paggi, e lœugo
Conosce infin, e poi dà in questo sfœugo.

[p. 169 modifica]

75
Donque mi vivo ancon? mi donque ancora
Veddo ra luxe d'esto giorno indegno;
Che fu a ro mæ peccaoù presente allora
E quanto enorme o fosse aoura ro segno,
Me mostra? ah vile man, perchè in quest'ora
Ti non secondi ro mæ giusto sdegno
Ti hæ dæto ti ra morte a ra mæ cara,
Lêvame da sta vitta così amara.

76
Passa pû questo pêto, e dro mæ cœu
Con ra to crûa spâ fa pù maxello,
Ma forse ciù incagnîa aura ti vœu
Fâme vive per dâme ciù martello?
D'amô infeliçe a ra giornâ d'ancœu
Sarò mostro segnaoù da questo, e quello.
Misero mostro a chi l'è peña degna
De l'immensa pietæ ra vitta indegna.

77
Viverò int'ri tormenti, e int'ri mæ affanni,
Che megiô compagnia aveì non vœuggio:
Ra nœutte tremerò, che ri malanni,
Che m'ho causaoù me butteran in œuggio,
E dro Sò, ch'ha scoværto ri mæ danni
Affæto schiverò ra luxe, e l'œuggio.
Me temerò mi mæsmo, e sempre addosso
Me sarò; benchè fuzze a ciù non posso.

78
Ma donde, (meschin de mi!) l'è mai restaoù
Ro restante dro corpo e bello, e casto?
Quello, che in lê d'intrego ho mi lasciaoù
N'è miga stæto da re bestie guasto?
Ah troppo bella preisa gh'è toccaoù,
Ah troppo caro, e prezioso pasto!
Ah desgraziaoù, in chi ro gran venin
Ho sfogaoù primma mi, poi ri mastin!

79
Vegnirò mi assì là, dove voi seì,
E con meigo stareì me care spœuggie,
Ma se per caxo mai stæte sareì
Çibbo dri lovi, o dre cagniñe vœuggie,
Vœuggio, e questo sarà ro mæ piaxeì,
Che ra mæxima gora me racœuggie.
D'êse con voî sarà mæ gran ventura,
Segge poi quâ se sæ ra sepoltura.

80
Meschin così o dixeiva, e sente che era
Vexiña ra caxon dro sò lamento.
Parve, che o resciorasse un pô ra cera,
Comme in çê fa dre nuvore ro vento;
E sollevando da ra sò lettêra
Ro corpo infærmo, indebolîo, e lento,
Se strascinò, ch'o stava drîto appeña,
In ra stanza dra morta con gran peña.

81
Ma intraoù là drento, e vista in quello sen
Fæta con re sò moen ra gran ferîa,
E quæxi un çê notturno ancon seren
Senza splendô ra cera scolorîa,
Sì o tremò, ch'o saræ cheìto se men
Vexiña, o manco pronta era ra ghîa,
Poi disse: Oh cera, che pœu fâ ra morte
Dôçe, non za cangiâ ra crûa mæ sciorte.

[p. 170 modifica]

82
Oh bella man, che ro prezioso pegno
De paxe, e d'amiçizia me porzesti,
In che stato te trœuvo, e a quale segno?
E ti ciù bello corpo, e non son questi
Dro mæ bestiale, e maledetto sdegno,
Ri segni ciù crudeli, e manifesti?
O con ra man dro paro œuggi spietæ,
Questa re ciaghe fe, voî re miræ.

83
Se ro veìre così no ve commœuve,
Darò ro sangue con morî svenaoù
Chi o tronca ro parlá, e perchè ro mœuve
Ra vœuggia de morì da desperaoù,
Squarça re binde, e re ferîe, e ciœuve
Sangue da fâ corrî quæxi un fossaoù,
E o moriva, ma ro dorô eccessivo,
Chi o feççe uscî de lê, ro tegne vivo.

84
Remisso in letto, l'añima spirante
Fù reciamâ a ro sò odioso corso;
Ma spantegâ ra voxe in un’istante
Dro sô furô, e de cose gh'era occorso,
Con Gofredo vegnì ra ciù galante
Turba d'amixi per dâghe soccorso,
Ma re parolle fun buttæ a ro vento,
Che non poettan calmâ ro sò tormento.

85
Comme parte gentî che a sæ inciagâ,
Se a l'è tocca s'aççende, e se resente;
Così quelli conforti in tanto mâ
Fan poco con mêgâ ro cœu languente,
Ma ro bon Paddre Pero, che scapâ
Ra pegora se vedde çærtamente,
Ro sò longo fallî, così all'oreggia
Ghe mostra con manera, e ro conseggia.

86
Oh Tancredi, Tancredi! oh da ti stesso
Troppo diverso, e da i prinçipj tœu!
Cos'æto in testa? e quâ nuvoro spesso
Sì t'innorbisce a ra giornâ d'ancœu?
Questa desgrazia tò dro çê l'è un messo
Non ro veddi? non senti i dîti sœu,
Che te crîa, e reciamma a ro smarrîo
Tò camin primmo, e te ro mostra a dîo?

87
A ri atti dro tò primmo offizio degno
Te vœu portâ de Cavagê de Cristo,
Che ti hæ lasciaoù, vorendo, ah cangio indegno,
Fâ d'uña donna Turca un brutto acquisto!
Propizia avversitæ, pietoso sdegno
Co un pô de brugo ro peccaoù tò tristo
D'in çê scarlassa,e vœù da i brutti lûi
D'esto mondo levâte, e ro refûi?

88
Ingrato donque ti refûi ro don
Dro çê benigno, e contro lê te vorti?
Misero, perchè corri in abbandon
A sta sfrenâ passion, e a sti trasporti?
Ti veì ro preçipizio, e pû in panson
Dentro ti te ghe bœutti, e ro comporti?
Intra in ti mæsmo, e ro dorô rafreña
Che in doî moddi a ra morte aura te meña.

[p. 171 modifica]

89
Nint'âtro o dixe: E a ro meschin fratanto
Ghe fa sospende de morî re vœuggie,
Ri conforti fan preisa, e tanto quanto
L'impeto smorsan dell'interne dœugge;
Ma non così, che lê de tanto in tanto
Ra lengua a ri lamenti o non desgœugge,
Aoura seigo parlando, aoura con quella,
Che da ro çê ro sente añima bella.

90
In ro partî dro giorno, e in ro retorno
E ciamma, e cianze, e prega ra sò cara.
Comme oxello, che ri pollin d'attorno
Levá se vè da man vilaña, e avara,
Solo re nœutte e boschi, e ro contorno
Impe cantando dra desgrazia amara.
Vista infin l'arba, o serra ri œuggi, e allora
Se lê o cianze, o se o dorme è inçærto ancora.

91
Quand'ecco in sœunno gh'apparisce in veste
Tutta stellâ ra tanto cianta amiga
Bella ciù assæ, ma ro splendô celeste
Orna, e non leva ra notizia antiga,
Che tutta in atto de pietæ re mæste
Sò lagrime sciugando, a dî se sbriga:
Mira comme son bella, e allegra, o caro,
E acquêta in mi ro tò dorô sì amaro.

92
Per ti son così bella, e ti ro zœugo
M'hæ fæto per errô con dáme morte.
Per ti dro sommo ben in chi m'affœugo
Degna son fæta de gustâ ra sciorte:
Chi, mi beata amando, godo; e lœugo
Chì sarà per ti assì dentr'a sta corte
E a ro gran Sô dro giorno eterno chîe
Ti viræ ste bellezze a quello unîe.

93
Se ti me staræ in trappa, e da sto mondo
Ti staccheræ da bon e mente, e cœu:
Vivi, e sacci, che t'ammo, e non l'ascondo,
Quanto ciù creatura amâ se pœu.
In così dî s'aççeise tutt'a riondo
Comme fa d'int'ro fœugo ro corzœu,
Poi se crovì con ra sò luxe, e un grande
Conforto in lê, sparendo, ghe fe' spande.

94
Consolaoù se resveggia, e se remette
Dri sœu Chirurghi a ro pareì çernúo,
E in tanto sepellî fa re dilette
Osse, e vestî ri paggi da desmûo,
E se fæto non fu de prîe elette
Ro sepolcro, o coværto de velûo,
Fu ben çernûo ro sascio, e chi ghe desse
Ra forma, che ro tempo ghe concesse.

95
Chì con re torcie aççeise in proçession
Accompagnâ ra fa così cian cian,
E tutte re sò arme a n gran pascion
Informa de trofeo s'inarboran:
Ma comme primma o poette in ranghezon
Levâse da ro letto all'undeman,
Con tutta reverenza, e con pietæ
Se portò a visitâ re osse onoræ.

[p. 172 modifica]

96
Arrivaoù là a ro lœugo, ove a ro vivo
Sò spirito prexon ro çê prescrisse,
Freido, mutto, e de moto quæxi privo,
Pareiva che con ri œuggi ro sciorbisse,
Infin dando in un cento assæ eccessivo
Con un forte sospiro, così o disse:
Oh caro sascio che te stimmo tanto,
Che dri mæ centi e sciamme ti hæ ro vanto,

97
Ti n'ê de morte ti, ma ti ê ro lœugo
Dre vive çenere, onde amô s'attrœuva,
E ben sento da ti ro mæsmo fœugo
Sempre ciù câdo, se non dôçe, a prœuva.
Ah piggia questi baxi, e questo sfœugo
De centi, e daî ti, se in ti se trœuva
Quarche pietæ, zà che non posso mîe
A re care reliquie, che ti hæ chîe.

98
Dàggheri ti, che se mai ri œuggi a zira
L'añima bella a re sò belle spœuggie
Ro to zelo, e mæ ardî n'averá in ira
Ch'odio, e sdegno lasciù non se racœuggie:
Lê me perdoña çærto, e zà respira
Ro cœu, così sperando, in tante dœuggie.
Che a sà l'errô dra man, e non se dœure
Che se amando ho vissûo, lê amando mœure.

99
E amando morirò: feliçe giorno
Quando ch'o sæ, ma per mi ciù gradîo,
Se comme, errando vaggo a ti d'intorno,
Sarò tanto chi dentro custodîo.
Faççan re añime amighe in çê soggiorno,
E seggie chi ro corpo sepellîo.
Quello, che in vitta no, l'ottêgne in morte:
E se l'ottêgno mai, che bella sciorte!

100
Confusamente se bisbiggia in tanto
Dro gran caxo seguîo tra ri assedîæ.
Poi s'aççærta, e divolga, e in ogni canto
Ne corre ro rumô dra gran çittæ;
E urlâ re donne, e cianze s'ode quanto
Se foisan zà re porte superæ:
E in ogni parte ri nemixi in fœugo
Mettessan case, ed ogni sacro lœugo.

101
Ma tutta Arzê fa vôze in lê ra gente,
Che cianze, e se despera a ciù non posso,
Lê de cianze con ri átri non se sente
Che o l'ha ro cœu ciù duro assæ, ch'un osso,
Ma ra barba, e i cavelli d'un fetente
Unto s'imbratta, e se fa in cera rosso,
E mentre vortæ in læ tutti zà son
Va in mezo Argante, e dixe in questo ton.

102
Vorreivo çerto mi, quando m'accorsi,
Che restava de fœu ra Donna forte
Andâghe fito apprœuvo, anzi mi corsi
Per incontrá con lê ra mæsma sciorte.
Feì tutto quanto poetti, infin ricorsi
Da ro Ræ istesso per fâ arvî re porte,
Ma ad onta dre preghere, e de menaççe
Bezœugnò, che de dentro mi restasse.

[p. 173 modifica]

103
Ah che se uscìo mi assì, o che avereiva
D'in perigo levâ ra gran Guerrera,
O dove lê l'è morta, mi ciodeiva
Con glorioso fin ra mæ carera!
Ma cose posso fâghe: se vedeiva
Che dro çê ro pareì diverso o l'era!
Meschiña lê l'è morta a tradimento,
E quello, che ho da fâ zà mi ro sento.

104
Sentî pû tutti quello, che promette
Argante, e çê ti ancora: e se ghe manco,
Destærrame, non premme: re vendette
Zuro de fâ con quello indegno Franco,
Che ro gius dra sò morte me permette.
Ni sta spâ leverò mai da ro fianco
Sin che ro cœu a Tancredi non trapasse,
E un gran pasto a ri crovi non ne fasse.

105
Così dîto, re voxi popolari
Con ro batte dre moen ghe fen ro viva,
E ri centi sciugò, primma sì amari,
Uña vendetta vista in prospettiva.
Oh vani zuramenti! Aoura contrari
Vireì seguî ri effetti all'apprensiva,
E cazze questo in sfida uguale estinto
Contro quello, che o credde aveì zà vinto.


FIN DRO CANTO XII.