Raccolta di proverbi bergamaschi/Adulazioni, lodi, lusinghe

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Adulazioni, lodi, lusinghe

../Abitudini, usanze ../Affetti, passioni, voglie IncludiIntestazione 27 luglio 2016 100% Proverbi

Abitudini, usanze Affetti, passioni, voglie
[p. 14 modifica]

ADULAZIONI, LODI, LUSINGHE.


Antet caagna che ’l manec l’è rótLodati cesto che il manico è rotto — Dicesi proverbialmente quando uno ha fatta un’azione da lui stimata bella e grande, che in effetto non è poi tale, anzi è tutta al contrario.
Chi no gh’a antadùr, i se anta d’ per lurChi non ha vantatori si loda da sè — Non si può negare che È assai comune usanza il credersi persona d’importanza; ma è pur vero che Chi fa il saputo, stolto è tenuto; e che Chi si loda s’imbroda.
Per rià a tegn sediöl, sbàsset zo a chi té carossaPer arrivare a tener calessino, inchinati a chi tiene carrozza.
[p. 15 modifica]
Töć gh’à göst a sentìs a lodàTutti ci han gusto a sentirsi lodare — La carne della lodola piace ad ognuno (Tosc.).