Raccolta di proverbi bergamaschi/Affetti, passioni, voglie

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Affetti, passioni, voglie

../Adulazioni, lodi, lusinghe ../Agricoltura, economia rurale IncludiIntestazione 16 giugno 2017 100% Proverbi

Adulazioni, lodi, lusinghe Agricoltura, economia rurale
[p. 15 modifica]

AFFETTI, PASSIONI, VOGLIE.


Am’ sè töć de carne — V. Errore, ecc.
Chi manèsa, no bramèsaChi maneggia, non brameggia — cioè chi possiede una cosa ne ha meno vaghezza.
I gösć i è miga töć compàgnVarj sono i gusti — Varj sono degli uomini i capricci, a chi piace la torta, a chi i pasticci. — De gustibus non est disputandum.
L’imbreagù nó ’l sa parlà che de ’i buL’ubbriacone non sa parlare che di vino buono.
Quando ’l batès l’è fać, töć i völ vès ghidàsQuando il bambino è battezzato, ognuno vuol essere il santolo — perchè l’uomo desidera sempre ciò che non può più avere.
Töć fa a sò mödOgnuno fa a modo suo — Ognuno suo piacer segue, e per dirla con Orazio: Trahit sua quemque votuptas.
Töć i gösć l’è a saìssei dà, o Tutti i gusti son gusti — come si leggeva sotto la pittura di un cane che si leccava. Sta come biasimo di una inclinazione storta, di un gusto guasto.
Töć i mèt la ma doe ghe dölOgnuno mette la mano dove gli duole — E con proverbio non nostro diciamo anche: La lingua batte dove il dente duole.
Töte i boche i è sorèleTutte le bocche sono sorelle — cioè A tutti piacciono i buoni bocconi.