Raccolta di proverbi bergamaschi/Errore, fallacia dei disegni, fallacia dei giudizj, insufficienza dei propositi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Errore, fallacia dei disegni, fallacia dei giudizj, insufficienza dei propositi

../Economia domestica ../Esperienza IncludiIntestazione 6 aprile 2014 75% Da definire

Errore, fallacia dei disegni, fallacia dei giudizj, insufficienza dei propositi
Economia domestica Esperienza
[p. 65 modifica]

ERRORE, FALLACIA DEI DISEGNI, FALLACIA DEI GIUDIZJ, INSUFFICIENZA DEI PROPOSITI.


A fabricà ’n piassa chi la öl volta, chi la öl bassaChi fa la casa in piazza, o e’ la fa alta, o e’ la fa bassa — cioè chi fa le cose in pubblico non può soddisfare a ognuno, perchè varii son degli uomini i cervelli.
A falà s’imparaFallando s’impara — e bisogna fare, ancorchè si faccia male, volendo imparare. Errando discitur, e solo
Chi no fa, no falaChi non fa, non falla.
A fa ’l cönt sensa l’ostér bisogna fal dò olteChi fa il conto senza l’oste l’ha a far due volte.
Am sè töć de carneSiamo tutti di carne — cioè tutti siamo sottoposti ai desiderj e difetti carnali.
[p. 66 modifica]
A pensà mal s’isbaglia de rarChi pensa male sbaglia di rado.
A s’è töć sogèé a falàSi è tutti soggetti a fallare — perchè
A sto mond as’ fala töćA questo mondo tutti sbagliano.
A s’gh’à töć vergótSi ha tutti qualche menda;
Töć as’ peca ’n vergótTutti peccano in qualche cosa — e
Chi pèca ’n barba, chi pèca ’n barbîsChi pecca in barba, chi pecca in baffi — tanto che
I fala a’ i préć a dì messaSbaglia il prete all’altare (Tosc.) — non solo, ma eziandio
I sanć i fala sèt volte al déIl giusto cade sette volte al giorno — e questa è sentenza di Salomone. Infatti
Nó gh’è che ’l Signùr che nó fala mai — Iddio solo è infallibile — almeno così la pensavano i nostri vecchi. Però se
Ol falà l’è de om, ol seguità l’è de diaolIl fallare è da uomini, il perseverare da demonj.
Bisogna ardà de no comensà a fa di cojonadeBisogna guardarsi dal cominciare a far degli errori — e
Bisogna ardà de no falà ’l prim basèlBisogna guardarsi dal fallare il primo gradino — perchè
Falàt ol prim basèl, s’è ’n fond a la scalaFallato il primo gradino, si è in fondo alla scala. Abissus abissum invocat.
Fam indöì che t’ farò récFammi indovino, ti farò ricco — e
Se ghe fös ön indöì, no ’l saràf mai piò meschìSe ci fosse un indovino, non sarebbe [p. 67 modifica]mai più meschino — Anche i Còrsi: hi fusse induinu ’un sarebbe mischinu.
Ghe n’è xé di asegn ch’i sa sömeaMolti sono gli asini che si rassomigliano — perciò può essere molto fallace il giudicare dalla rassomiglianza.
In del piò bel de l’oselanda ’l mör la sïètaSul più bello dell’uccellatura muore talvolta la civetta — cioè in sul più bello di un’impresa sopraggiunge talora una sventura che manda a male ogni cosa.
L’om propone e Dio dispone.
No s’ pöl di quat’, o gat, fina che nó l’è ’n del sacV. Regole del giudicare.
Ognù sa quel che bói ’n da sò pignataOgnuno sa quel che bolle nella sua pentola — e con ciò si vuol avvertire che è difficile giudicare degli affari altrui.
Se la ègia no la mörìa, la saràf amò ìaSe la vecchia non moriva, sarebbe ancor viva — Si adopera per deridere coloro, che dopo un’impresa fallita, mettono in campo dei se e dei ma; a costoro si dice più bruscamente:
Ol se e ’l ma i è entrada di bagiàIl se ed il ma sono l’entrata dei baggiani

                    Si ce n’était le si et le mais,
                    Nous serions tous riches à jamais.