Raccolta di proverbi bergamaschi/Libertà, servitù

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Libertà, servitù

../Ira, collera ../Maldicenza malignità, invidia IncludiIntestazione 10 maggio 2017 75% Da definire

Ira, collera Maldicenza malignità, invidia
[p. 91 modifica]

LIBERTÀ, SERVITÙ.


Gne per tort gne per resù làsset mai röspà ’n presùNè a torto nè a ragione non ti lasciar mettere in prigione — perchè
L’ è mèi osèl de bosc che osèl de gabiaÈ meglio essere uccel di bosco che uccel di gabbia ed È meglio stare al bosco strutto, che stare in carcere ben ridutto. La libertà è veramente un grandissimo tesoro;
La libertà e pò piòLa libertà e non più
No gh’è solć ch’i la pagheEssa è impagabile — ma non può godere della libertà vera il delinquente: scampi pure dalla prigione; sarà vagabondo ed errante sulla terra e dovunque temerà di incontrare il braccio punitore.
[p. 92 modifica]
L’è mei es padrù magher che servitùr récMeglio essere magro padrone che ricco servitore
Polenta e öna spiga d’ai, ma la sò libertàPolenta ed uno spicchio d’aglio, ma la libertà — perchè
Ol pa di óter l’è dür; al gh’à sèt croste e ü cröstùIl pane altrui è duro; ha sette croste ed un crostone. Durum, invisum, grave est servitia ferre, lasciò scritto Seneca; e Dante:

Tu proverai sì come sa di sale
Lo pane altrui, e com’è duro calle
Lo scendere e ’l salir per l’altrui scale.

No s’ pöl miga servì du padrùNon si può servire a due padroni.