Rime (Guittone d'Arezzo)/Dolze vertù, mansuetudo, e degna

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Dolze vertù, mansuetudo, e degna

../Pensand'om che val bon disio, fa d'esso ../O tu, devino amor bon, caritate IncludiIntestazione 13 settembre 2008 75% poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
Dolze vertù, mansuetudo, e degna
Pensand'om che val bon disio, fa d'esso O tu, devino amor bon, caritate


[p. 244 modifica]

194

La mansuetudine.


     Dolze vertù, mansuetudo, e degna,
e amatissim’a tutti, e graziosa,
no ira mai ’n te, né scandal regna,
4ma nel mezzo di guerra ’n pace hai posa;
     ed in terr’ed in ciel gaudi tu’ regna,
e non giá t’è nemic’alcuna cosa.
Ira, la qual contrar’a te s’assegna,
8che piò che fera quasi è feriosa,
     te deletta, te chere, e te s’enchina,
a ciò che tu li aiuti onne su’ ardore;
11e dolcissima lei se’ medicina.
     Oh, quanto è bono tuo, quanto bellore!
Sí come naso a viso e tu a dottrina,
14tu, di costumi ornament’e colore.