Rime (Guittone d'Arezzo)/O tu, om de Bologna, sguarda e sente

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
O tu, om de Bologna, sguarda e sente

../Guidaloste, assai se' lungiamente ../Giudice de Gallura, en vostro amore IncludiIntestazione 13 settembre 2008 75% poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
O tu, om de Bologna, sguarda e sente
Guidaloste, assai se' lungiamente Giudice de Gallura, en vostro amore


[p. 254 modifica]

213

Il loglio non può dare il grano, né il male il bene.


     O tu, om de Bologna, sguarda e sente:
ciò ch’eo te dico a grande prode t’èe;
nel campo intrato se’ per far semente,
4lo qual è presto a catun seme anch’ee.
     Donque se grano aver ètti piacente,
mira ben, se gran sementi, o chee;
e se sementi gioglio com nescente
8e gran ricoglier credi, ahi che van see!
     Ché natura né Dio noi sosterria
che ben de mal nascesse, o mal de bene;
11se par talor, torna final che dia.
     E molto ciò te prova e fermo tene
Toscana e Romagna e Lombardia,
14che de poco seme l’aie aute han piene.