Rime (Guittone d'Arezzo)/Giudice de Gallura, en vostro amore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Giudice de Gallura, en vostro amore

../O tu, om de Bologna, sguarda e sente ../Guelfo conte e Pucciandon, la voce IncludiIntestazione 13 settembre 2008 75% poesie

Guittone d'Arezzo - Rime (XIII secolo)
Giudice de Gallura, en vostro amore
O tu, om de Bologna, sguarda e sente Guelfo conte e Pucciandon, la voce


[p. 254 modifica]

214

Al Giudice di Gallura, cui non osa dire nè sa tacere quanto gli sia caro.


     Giudice de Gallura, en vostro amore
como e quanto è giunta l’alma mia,
vostro valente orrato e car valore
4tacer m’offende, e dir no l’arderia.
     Ma, se bene poder seguisse core,
de fatto amor non poco appareria;
ma non n’aggio poder, né dirol fiore:
8vogli’appo voi che vo piace che dia.
     Ragion stima ’n amor voglia, non fatto,
e prod’om dea ciò ch’è ragion stimare;
11e voi, messer, sorprò, sovra ragione.
     Non mia bassezza en vostro altero affare
vi queti: a me materia onni stagione
14di bontá vostra è di mia fe contratto.