Rime (Michelangelo)/14. El Dì e la Notte parlano, e dicono

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
14. El Dì e la Notte parlano, e dicono

../13. La fama tiene gli epitaffi a giacere; non va né inanzi né ../15. Di te me veggo e di lontan mi chiamo IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

14. El Dì e la Notte parlano, e dicono
13. La fama tiene gli epitaffi a giacere; non va né inanzi né 15. Di te me veggo e di lontan mi chiamo
[p. 8 modifica]

 
  El Dì e la Notte parlano, e dicono:
Noi abbiàno col nostro veloce corso condotto
alla morte el duca Giuliano; è ben giusto
che e’ ne facci vendetta come fa.
  E la vendetta è questa: che avendo noi5
morto lui, lui così morto ha tolta la luce a noi
e cogli occhi chiusi ha serrato e’ nostri,
che non risplendon più sopra la terra.
  Che arrebbe di noi dunche fatto, mentre vivea?