Rime (Michelangelo)/15. Di te me veggo e di lontan mi chiamo

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
15. Di te me veggo e di lontan mi chiamo

../14. El Dì e la Notte parlano, e dicono ../16. D'un oggetto leggiadro e pellegrino IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

15. Di te me veggo e di lontan mi chiamo
14. El Dì e la Notte parlano, e dicono 16. D'un oggetto leggiadro e pellegrino
[p. 8 modifica]

 
  Di te me veggo e di lontan mi chiamo
per appressarm’al ciel dond’io derivo,
e per le spezie all’esca a te arrivo,
come pesce per fil tirato all’amo.
  E perc’un cor fra dua fa picciol segno5
di vita, a te s’è dato ambo le parti;
ond’io resto, tu ’l sai, quant’io son, poco.
  E perc’un’alma infra duo va ’l più degno,
m’è forza, s’i’ voglio esser, sempre amarti;
ch’i’ son sol legno, e tu se’ legno e foco.10