Rime (Stampa)/Rime d'amore/CLV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

CLV

../CLIV ../CLVI IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - CLIV Rime d'amore - CLVI

[p. 86 modifica]

CLV

S’augura di morire, prima ch’egli sia d’altra.

     Due anni e piú ha già voltato il cielo,
ch’io restai presa a l’amoroso visco
per una beltà tal, che, dirlo ardisco,
simil mai non si vide in mortal velo:
     per questo io la divolgo, e non la celo,
e non mi pento, anzi glorio e gioisco;
e, se donna giatnai gradi, gradisco
questa fiamma amorosa e questo gelo;
     e duoimi sol, se sarà mai quell’ora,
che da me si disciolga e leghi altronde
la beltà ch’ogni cosa arde e inamora.
     E, se Morte a chi prega unqua risponde,
la prego che permetta, anzi ch’io mora,
che non vegga d’altrui l’amata fronde.