Rime (Stampa)/Rime d'amore/LXXXVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Rime d'amore

LXXXVI

../LXXXV ../LXXXVII IncludiIntestazione 22 settembre 2009 75% Poesie

Rime d'amore - LXXXV Rime d'amore - LXXXVII

[p. 49 modifica]

LXXXVI

Piangano la sua fine le donne pietose.

     Piangete, donne, e poi che la mia morte
non move il signor mio crudo e lontano,
voi, che sète di cor dolce ed umano,
aprite di pietade almen le porte.
     Piangete meco la mia acerba sorte,
chiamando Amor, il ciel empio, inumano,
e lei, che mi ferí, spietata mano,
che mi vegga morir e lo comporte.
     E, poi ch’io sarò cenere e favilla,
dica alcuna di voi mesta e pietosa,
sentita del mio foco una scintilla:
     — Sotto quest’aspra pietra giace ascosa
l’infelice e fidissima Anassilla,
raro essempio di fede alta amorosa.