Rime (Tassoni)/3. Cicalate pur mo', signor toscani

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
3. Cicalate pur mo', signor toscani

../2. Oh, com'alzan al ciel questi villani ../In occasione della guerra di Garfagnana IncludiIntestazione 18 dicembre 2020 75% Da definire

3. Cicalate pur mo', signor toscani
2. Oh, com'alzan al ciel questi villani In occasione della guerra di Garfagnana
[p. 310 modifica]

XXXII

3

     Cicalate pur mo’, signor toscani,
e sciorinate sonetti e canzone:
sappiam ben che la vostra professione
è menar piú la lingua che le mani.
     Non ponno i vostri orgogli irriti e vani
metter paura addosso alle persone:
ch’abbiamo in c... la vostra nazione,
i poeti, i soldati e i capitani.
     C...! Voi séte pur bravi in credenza:
tremiamo e vienci la paralesia
solo in vedere nominar Fiorenza.
     Ah, buggerona e perfida genia!
Chi di voi non avesse conoscenza
fors’a queste tagliate credería.

[p. 311 modifica]

 Ma la vostra albagia,
vostra presunzion, vostra viltade
è nota ormai per tutte le contrade;
 ed ora non accade
menar tanta superbia e puzzo espanto,
ché ha pregato per voi e sotto il manto
 v’ha difeso un buon santo.
Fughe non son le nostre ritirate;
ma voi, genti vilissime e cacate
 che tanto le svampate,
perché non fare allora il vostro uffizio
in seguirci e mandarci in precipizio?
 Avete un gran giudizio
a dir che muor di fame il modanese
che tanti giorni v’ha fatto le spese;
 non sète voi discesi
di quell’ampia cittá dove si vive
con mezzo pan, un ovo e quattro olive?
 Ora che sète privi
di noi, lá su que’ monti, in rimembranza
vi dée forse venir nostra abbondanza.
 La vostra alta possanza
da’ modanesi, insomma, non si stima:
e vi risponderanno per la rima.