Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto CVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto CVIII

../Sonetto CVII ../Sonetto CIX IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto CVII Sonetto CIX


SONETTO CVIII

Pensier nell’ alto volo, ove tu stendi
   L’ audaci penne, il mio valor non sale;
   Onde perder l’ imprese, ed arder l’ ale
   Saria il fin del principio, ch’ ora intendi.
Poi con l’ ardito vaneggiar m’ accendi
   Sì, ch’ io consento il bel lume immortale
   Mirar con l’ occhio mio debole e frale,
   Che ’l vigor perde, ove tu solo ascendi.
Desio non ho, ch’ aspiri al gran disegno,
   Che da radice è svelta mia speranza,
   Volto è in contrario ogni benigno lume.
Arda il cor pur senza mostrarmi un segno,
   Ascondasi il martir, ch’ ogn’ altro avanza,
   Alma taci, ed adora il sacro Nume.