Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto CVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto CVII

../Sonetto CVI ../Sonetto CVIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto CVI Sonetto CVIII


SONETTO CVII

Di lagrime, e di foco nutrir l’ alma,
   Con secca speme rinverdir la voglia,
   Legar di nuovo il cor, quando discioglia
   Segno maggior la vista altiera ed alma,
M’ insegna Amor, e agevolar la salma,
   Mentre più alto il bel pensier m’ invoglia,
   E nel dolce cader scemar la doglia,
   Perch’ abbia altrui del mio languir la palma.
Soave cibo mi è il pianto, e l’ ardore,
   Le perdute speranze un giusto freno,
   Che indietro volge il già corso desire.
Il tormento m’ apporta largo onore,
   Che per virtù del bel lume sereno
   Di pari alla mercè piace il martire.