Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto LXVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto LXVII

../Sonetto LXVI ../Sonetto LXVIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto LXVI Sonetto LXVIII


SONETTO LXVII

Mosso d’ alta pietà non move tardo
   Il Sol, che seco in Ciel mi ricongiunge;
   Ma viene ognor più lieto, e sempre aggiunge
   Al maggior uopo, ond’ io pur vivo ed ardo.
Quant’ egli può, dal primo acuto dardo
   Risana il cor, e con più saldo il punge,
   Ora che col pensier fido da lunge
   A quel, ch’ esser solea, felice il guardo.
Gli occhi, che Morte mi nasconde e cela,
   Ond’ uscì ’l foco, ch’ ancor l’ alma accende,
   Fur chiari specchi in terra al viver mio.
Or quel raggio, che ’l Ciel non mi contende,
   Mi mostra, ove drizzar convien la vela
   Per questo mar del nostro secol rio.