Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto LXVIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto LXVIII

../Sonetto LXVII ../Sonetto LXIX IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto LXVII Sonetto LXIX


SONETTO LXVIII

Dal breve sogno, e dal fragil pensiero
   Soccorso attende la mia debol vita;
   Quando interrotti son, riman smarrita
   Sì, ch’ io peno in ridurla al cammin vero.
Vero non già per me, ch’ altro sentiero
   Mi suol mostrar la mia luce infinita,
   E dice: meco in Ciel sarai gradita,
   Se raffrena il dolor lo spirto altiero.
Martir, Avversità, Fortuna, e Morte
   Non diviser le voglie insieme accese,
   Ch’ Amor, Fede, e Ragion legar sì forte.
Rispondo: l’ alte tue parole intese,
   E servate da me, son fide scorte
   Per vincer quì del mondo empie contese.