Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto LXX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto LXX

../Sonetto LXIX ../Sonetto LXXI IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto LXIX Sonetto LXXI


SONETTO LXX

Alma felice, se ’l valor, ch’ eccede
   Nel mondo ogn’ altro, ancor nel Ciel sublima,
   Come avesti tra noi la palma prima,
   Esser de’ tua la più pregiata sede.
Fin che l’ immagin viva, e l’ occhio riede,
   La bella tua memoria in alta cima
   Di quei chiari pensier, ch’ an vera stima,
   Farà dell’ opre degne immortal fede.
Che nè invidia qua giù, nè là su merto
   Di fam’ al mondo, e al Ciel di gaudio eterno,
   Il primo pregio la tua gloria tolse.
Ragion l’ afferra, e Amor lo mostra aperto,
   Che ’l tuo vivo splendor riluce interno
   Nel petto, ov’ ogni error prima disciolse.