Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto LXXVI

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto LXXVI

../Sonetto LXXV ../Sonetto LXXVII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto LXXV Sonetto LXXVII


SONETTO LXXVI

Solco tra duri scogli e fiero vento
   L’ onde di questa vita in fragil legno;
   L’ alto favor, e ’l mio fido sostegno
   Tolse l’ acerba morte in un momento.
Veggio il mal grave, e ’l mio rimedio spento,
   E ’l mar turbato, e l’ aere d’ ira pregno,
   D’ atra tempesta uno infallibil segno,
   E ’l valor proprio al mio soccorso lento.
Non che sommerga le commosse arene
   Temo, nè rompa in perigliose sponde;
   Ma duolmi il navigar priva di spene.
Almen, se Morte il vero porto asconde,
   Mostrimi il falso suo, che chiare e amene
   Mi saran le sue irate e torbid’ onde.