Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto LXXVII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto LXXVII

../Sonetto LXXVI ../Sonetto LXXVIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto LXXVI Sonetto LXXVIII


SONETTO LXXVII

Nel dolce stato mio da molti amari
   Sospetti cinta, fra dubbiose spene
   E certo affanno, fra diletto e pene
   Sempre avean qualche nebbia i dì più chiari.
Non fur sì larghi allor, ch’ or tant’ avari
   Deggian mostrarsi i Cieli, onde sostiene
   Intiero mal per l’ imperfetto bene,
   Che già godeva il cor negli anni cari.
Sotto sì fiera legge quel Signore
   Del danno liberal, dell’ util parco,
   Che fa i giorni infelici, e liete l’ ore,
Al crudo regno suo per dolce varco
   Con frode ascosa, e sicurtà di fuore,
   M’ indusse di fe nudo, e insidie carco.