Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto LXXX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto LXXX

../Sonetto LXXIX ../Sonetto LXXXI IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto LXXIX Sonetto LXXXI


SONETTO LXXX

Pria d’ esser giunta in mezzo della strada
   Del nostro uman viaggio, il fin pavento,
   Ma sì soave alla memoria sento
   L’ entrata, che quest’ aspro ancor mi aggrada.
E se dal peso avvien, ch’ io pieghi, o cada,
   Lume mi scorge tal, che non men pento,
   Nè ’l desir, nè la forza unqua rallento,
   Anzi dietro al splendor convien, ch’ io vada.
Seco vissi io felice, ei mi scoperse
   I dubbj passi, ed or dal Ciel m’ insegna
   Il sentier dritto coi vestigj chiari.
Ei mi mostrò il principio, e ’l fin m’ offerse
   Della vera salute, ei farà degna
   L’ alma, che là su goda, e qua giù impari.