Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto LXXXII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto LXXXII

../Sonetto LXXXI ../Sonetto LXXXIII IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto LXXXI Sonetto LXXXIII


SONETTO LXXXII

Onde avvien, che di lagrime distilla
   Senza nuova cagion per gli occhi Amore
   Sì spessa pioggia, ed onde il tristo core
   Oggi più dell’ usato arde e sfavilla?
L’ antica piaga Amor sì larga aprilla,
   Che non la fa maggior novel dolore;
   Nè puote tempo il mio gravoso ardore
   Accrescer dramma, nè scemar scintilla.
Non ti sovvien l’ antico mio pensiero,
   Rispose, che si compie oggi il quart’ anno,
   Che ti coperse un doloroso manto?
Conobbi allor, che la passion il vero
   Mostrava ai sensi, ond’ era mio l’ inganno,
   E rinforzai con più ragione il pianto.