Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto XCV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto XCV

../Sonetto XCIV ../Sonetto XCVI IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto XCIV Sonetto XCVI


SONETTO XCV

La mia divina luce, e doppia scorta
   Dell’ alma in questa, ed in quell’ altra vita,
   Qui con l’ esempio al vero onor m’ invita,
   E là col bel pensier sempre la porta.
All’ una, e l’ altra gloria apre la porta,
   E se dai passi miei fosse seguita,
   Io goderei là su quell’ infinita,
   E questa al fin mortal saria men corta.
S’ ella scorgeva un intelletto uguale
   Al lume suo, l’ avria condotto in parte,
   Che saria là beata, e quà felice.
Ma ’l Ciel sì largamente non comparte
   Le grazie sue, nè al mio ’mperfetto lice
   Aver per guida un Sol, per volar l’ ale.