Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto XCIV

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto XCIV

../Sonetto XCIII ../Sonetto XCV IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto XCIII Sonetto XCV


SONETTO XCIV

Se ben a tante gloriose e chiare
   Doti di quello invitto animo altiero
   Volgo la mente ognor, fermo il pensiero,
   Non fur l’ altre di fuor men belle e rare.
Pur perchè quelle son, queste n’ appare,
   Che sian più grate, il casto nostro e vero
   Parrebbe fusse Amor falso e leggiero,
   Se non fusser l’ interne al cor più care.
Ma quanto mai di buon visse fra noi,
   Quanto di bel per occhio uman si scorse,
   Anzi la virtù vera, e la beltade;
In lui rifulse sì, che tutti voi,
   Che lo miraste, or più vivete in forse,
   S’ ebbe tal gloria la più chiara etade.