Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto XCIII

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto XCIII

../Sonetto XCII ../Sonetto XCIV IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto XCII Sonetto XCIV


SONETTO XCIII

Di quella cara tua serbata fronde,
   Che a rari antichi, Apollo, ampia corona
   Donasti, allor che all’ almo tuo Elicona
   Gustar l’ acque più chiare e più profonde.
Or che ’l gran Giovio nell’ estreme sponde
   Del patrio Oceano all’ Indio mar risuona
   Con le luci d’ onor, che si ragiona,
   Le prime glorie altrui girli seconde;
Orna di propria man la fronte altiera,
   Che la sua dotta Musa oggi è sol quella,
   Che rende il secol nostro adorno e chiaro.
Questo al Sol vivo mio sua luce intiera
   Serberà sempre, e quel soggetto raro
   Arà sì degna istoria, eterna e bella.