Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto XLIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto XLIX

../Sonetto XLVIII ../Sonetto L IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto XLVIII Sonetto L


SONETTO XLIX

Per soggetto alla nobil fiamma vera
   Atto a serbar il suo lume fulgente,
   Diede il ciel da’ primi anni la mia mente,
   Che la ritien ancor viva ed intera.
Come a saldo sigillo molle cera
   Fu il cor all’ opre chiare; e ’l petto ardente
   Segreto, e fido albergo, ove sovente
   Depose i bei pensier l’ anima altera.
Nè di Morte l’ acerbe invide offese
   Mi fan restar del gran tesor mendica,
   Che vivo di sue glorie al mondo sole.
La mente il raggio bel, che pria l’ accese,
   E ’l cor l’ impresso ben lieto nodrica,
   E ’l petto il conservar l’ alte parole.