Rime (Vittoria Colonna)/Sonetto XXIX

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Sonetto XXIX

../Sonetto XXVIII ../Sonetto XXX IncludiIntestazione 31 agosto 2009 75% Poesie

Sonetto XXVIII Sonetto XXX


SONETTO XXIX

Le meraviglie, che tra noi comparte
   Il Cielo, allor che con benigni aspetti
   Suoi lumi accende a produr tali effetti,
   Che ’l poter suo maggior ne mostri in parte,
D’ intorno lampeggiar chiare consparte
   Al mio Sole vid’ io; Voi spirti eletti,
   Ch’ adornate sì rari alti concetti,
   Onorate di lui le vostre carte.
E fuora d’ ogni oggetto i sacri inchiostri,
   E dal lume divin più larga vita
   Avranno i bei felici studj vostri.
Se breve caldo qui, beltà finita
   Vi sprona tanto or; dagli eterni chiostri
   Quanto accender vi dè luce infinita?