Rime varie (Alfieri, 1903)/Appendice/I. O leggiadretta man ch'almo lavoro

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
I. O leggiadretta man, ch'almo lavoro

../../Appendice ../II. Oh qual mi aggrada il dilicato viso IncludiIntestazione 20 marzo 2021 75% Da definire

I. O leggiadretta man, ch'almo lavoro
Appendice Appendice - II. Oh qual mi aggrada il dilicato viso

[p. 243 modifica]

I.

(Su l’alba in letto – 22 dicembre 1794).

O leggiadretta man, ch’almo lavoro
D’ampia Veneta rete a me tessevi,
Stringermi forse infra i tuoi lacci d’oro
Più ch’io nol fossi or col bel don credevi?

Io mille volte il dì per te mi moro,
Donna; e tu il vedi in quei momenti brevi,
(Che non so se più sien pena o ristoro)
In cui cogli occhi tuoi mia fiamma bevi.

M’è caro il don; ma inutil era; io cinto
Son di te tutto in ogni tempo e loco,
E il sarò sì fin ch’io rimanga estinto.

Se in contraccambio il verseggiar mio fioco
Offrirti osassi, ei rimarria pur vinto;
Perchè al troppo ch’io sento, i’ direi poco.