Saggio Signor, che quanto parli e pensi

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Jacopo Facciolati

S Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Saggio Signor, che quanto parli e pensi Intestazione 27 dicembre 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Giacomo Facciolati


[p. 162 modifica]

I1


Signor, che quanto parli e pensi
     Tutto s’aggira sulle vie del Retto,
     E dal cui labbro a comandare eletto
     Escono poche voci e molti sensi:
5I più fervidi voti, ed i più intensi
     Pensier, che covi nell’augusto petto,
     Son della Patria, e del privato affetto
     Hai tanto sol, quanto ad Eroe conviensi.
Tutto vedi qual lince, e tutte prendi
     10Le mire tue sovra le mire altrui,
     Nè l’arco mai fuor della meta estendi.
Tutto vedi, ma pure i merti tui
     O non vedi o non curi o non intendi,
     E sol gli lasci misurare altrui.

Note

  1. A sua Eccell. il Sig. Niccolò Foscarini nel suo ingresso di Procurator di S. Marco in Venezia.