Saggio di rime devote e morali/Mentre l'iniquo fraudolente Erode

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Mentre l'iniquo fraudolente Erode

../Quale appunto conchiglia in su gli albori ../Giunta alfin l'ora in ciel da Dio prescritta IncludiIntestazione 31 luglio 2012 100% Raccolte di poesie

Quale appunto conchiglia in su gli albori Giunta alfin l'ora in ciel da Dio prescritta
[p. xxi modifica]

MEntre l’iniquo fraudolente Erode
     Il promesso ritorno in vano attende
     De’ Magi Re, dal Re del Ciel la frode,
     4Cui si detesta, di schernir si prende.
Di ritornare alle natìe lor prode
     Per altra via con sogno che discende
     Dal sen di lui loro additar ne gode;
     8E gia la Stella in ciel più non risplende.
Perchè il crudele, e di furor baccante
     Qual ferito leon strage destina
     11A tenerelli infanti a sè soggetti.
Nè lo ritien strida di madre amante,
     Ch’ei vuol l’eccidio, e lor total ruina;
     14Ma salvo è quei cagion de’ suoi sospetti.