Salmi (Diodati 1821)/capitolo 139

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../ capitolo_138

../capitolo_140 IncludiIntestazione 29 giugno 2012 75% Da definire

capitolo 138 capitolo 140

[p. 521 modifica]

SALMO 139.

Onnipresenza ed onniscienza di Dio.

Salmo di Davide, dato al Capo dei Musici.

1 SIGNORE, tu mi hai investigato, e tu mi conosci1.

2 Tu vedi quando mi seggo, e quando mi alzo; tu intendi da lungi il mio pensiero2.

3 Tu aggiri i miei sentieri e il mio ricetto; e sei usato a tutte le mie vie.

4 Perciocchè non essendo ancora la parola sopra la mia lingua, ecco, Signore, tu sai già il tutto3.

5 Tu mi strigni dietro e davanti; e mi metti la mano addosso.

6 La tua conoscenza è tanto maravigliosa che io non posso sottrarmene; e tanto eccelsa, che appo lei non posso nulla.

7 Dove me ne andrò d’innanzi al tuo Spirito? E dove me ne fuggirò dal tuo cospetto4?

8 Se io salgo in cielo, tu vi sei; e se mi metto a giacere ne’ luoghi bassi sotterra, eccoviti5.

Se prendo le ale dell’alba, e vo a dimorar nell’estremità del mare;

10 Anche quivi mi condurrà la tua mano, e la tua destra mi prenderà.

11 E se dico: Certo, le tenebre mi appiatteranno, la notte sarà luce d’intorno a me.

12 Le tenebre stesse non possono oscurarti nulla6; anzi la notte ti risplende come il giorno; e le tenebre e la luce ti son tutt’uno.

13 Conciossiachè tu possegga le mie reni; tu mi hai composto nel seno di mia madre.

14 Io ti celebrerò; perciocchè io sono stato maravigliosamente formato In maniere stupende; le tue opere son maravigliose, e l’anima mia lo sa molto bene.

15 La fabbrica delle mie ossa non ti fu celata, quando io fui fatto in occulto, e lavorato nelle basse parti della terra7.

16 I tuoi occhi videro la massa informe del mio corpo; e tutte queste cose erano scritte nel tuo libro, nel tempo che si formavano, quando niuna di esse era ancora.

17 Oh! quanto mi sono, o Dio, preziosi i tuoi pensamenti! Quanto son grandi le somme di essi!

18 Se io li voglio annoverare, sono in maggior numero che l’arena8; quando io mi risveglio, io sono ancora teco.

19 Certo, o Dio, tu ucciderai l’empio; perciò, uomini di sangue, dipartitevi da me.

20 Perciocchè i tuoi nemici ti hanno nominato a scelleratezza; hanno preso in bocca il tuo Nome in vano.

21 O Signore, non odio io quelli che t’odiano? E non mi accuoro io per quelli che si levano contro a te?

22 Io li odio d’un odio perfetto; io li ho per nemici.

23 O Dio, investigami, e conosci il mio cuore; provami, e conosci i miei pensieri;

24 E vedi se vi è in me alcuna via iniqua; e guidami per la via del mondo.