Salmi (Diodati 1821)/capitolo 32

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../ capitolo_31

../capitolo_33 IncludiIntestazione 10 aprile 2012 75% Da definire

capitolo 31 capitolo 33

[p. 472 modifica]

SALMO 32.

Felicità di chi ha ottenuto il perdono. Invito al pentimento.

Maschil di Davide.

1 BEATO colui la cui trasgressione è rimessa1, e il cui peccato è coperto!

2 Beato l’uomo a cui il Signore non imputa iniquità2, e nel cui spirito non vi è frode alcuna3!

3 Mentre io mi son taciuto, le mie ossa si sono invecchiate, nel mio ruggire di tutto dì.

4 Perciocchè giorno e notte la tua mano era aggravata sopra me, l’umor mio era divenuto simile ad arsure di state. (Sela.)

5 Io ti ho dichiarato il mio peccato, non ho coperta la mia iniquità, io ho detto: Io confesserò le mie trasgressioni al Signore; e tu hai rimessa l’iniquità del mio peccato4. (Sela.)

6 Perciò5 ogni uomo pio ti farà orazione nel tempo che tu puoi esser trovato6; nel tempo di diluvio di grandi acque, esse non pur perverranno a lui.

7 Tu sei il mio ricetto, tu mi guarderai di distretta, tu mi circonderai di canti di liberazione. (Sela.)

8 Io voglio ammaestrarti ed insegnarti la via, per la quale devi camminare; e consigliarti, avendo l’occhio sopra te.

9 Non siate come il cavallo, come il mulo, che sono senza intelletto; la cui bocca conviene frenare con morso e con freno, altrimente non si accosterebbero a te.

10 Molti dolori avverranno all’empio7; [p. 473 modifica]ma benignità intornierà colui che si confida nel Signore.

11 Rallegratevi nel Signore, e fate festa, o giusti; e giubilate, voi tutti che siete diritti di cuore.