Salmi (Diodati 1821)/capitolo 49

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../ capitolo_48

../capitolo_50 IncludiIntestazione 10 aprile 2012 75% Da definire

capitolo 48 capitolo 50

[p. 480 modifica]

SALMO 49.

Vanità dei beni terreni; Dio solo salva dalla morte.

Salmo, dato al Capo de’ Musici, de’ figliuoli di Core.

1 UDITE questo, popoli tutti; porgete gli orecchi, voi tutti gli abitanti del mondo;

2 E plebei, e nobili, e ricchi, e bisognosi tutti insieme.

3 La mia bocca proferirà cose di gran sapienza; e il ragionamento del mio cuore sarà di cose di grande intendimento.

4 Io inchinerò il mio orecchio alle sentenze; io spiegherò sopra la cetera i miei detti notevoli.

5 Perchè temerò ne’ giorni dell’avversità Quando l’iniquità che mi è alle calcagna m’intornierà?

Ve ne son molti che si confidano ne’ lor beni, e si gloriano della grandezza delle lor ricchezze1.

7 Niuno però può riscuotere il suo fratello, nè dare a Dio il prezzo del suo riscatto2.

8 E il riscatto della lor propria anima non può trovarsi, e il modo ne mancherà in perpetuo;

9 Per fare che continuino a vivere in perpetuo, e che non veggano la fossa3;

10 Conciossiachè veggano che i savi muoiono, e che parimente i pazzi, e gli stolti periscono, e lasciano i lor beni ad altri.

11 Il loro intimo pensiero è che le lor case dimoreranno in eterno, e che le loro abitazioni dureranno per ogni età; impongono i nomi loro a delle terre.

12 E pur l’uomo che è in onore non vi [p. 481 modifica]dimora sempre; anzi è renduto simile alle bestie che periscono.

13 Questa lor via è loro una pazzia4; e pure i lor discendenti si compiacciono a seguire i lor precetti. (Sela.)

14 Saranno posti sotterra, come pecore; la morte li pasturerà; e gli uomini diritti signoreggeranno sopra loro in quella mattina5; e il sepolcro consumerà la lor bella apparenza, che sarà portata via dal suo abitacolo.

15 Ma Iddio riscuoterà l’anima mia dal sepolcro6; perciocchè egli mi accoglierà a sé. (Sela.)

16 Non temere, quando alcuno sarà arricchito, quando la gloria della sua casa sarà accresciuta.

17 Perciocchè, quando egli morrà non torrà seco nulla; la sua gloria non gli scenderà dietro.

18 Benchè egli abbia benedetta l’anima sua in vita sua7; e tali ti lodino, se tu ti dài piacere, e buon tempo;

19 Quella verrà là ove è la generazion de’ suoi padri; giammai in eterno non vedranno la luce.

20 L’uomo che è in istato onorevole, e non ha intelletto, è simile alle bestie che periscono.