Salmi (Diodati 1821)/capitolo 89

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../ capitolo_88

../capitolo_90 IncludiIntestazione 28 maggio 2012 75% Da definire

capitolo 88 capitolo 90

[p. 498 modifica]

SALMO 89.

II patto di Dio con Davide ricordato, affinchè Dio liberi il suo popolo dai presenti suoi mali.

Maschil di Etan Ezrahita.

1 IO canterò in perpetuo le benignità del Signore; io renderò colla mia bocca nota la tua verità per ogni età.

2 Perciocchè io ho detto: La tua benignità sarà stabile in eterno; tu hai fermata la tua verità ne’ cieli.

3 Io ho fatto, dice il Signore, patto col mio eletto; io ho giurato a Davide, mio servitore, dicendo:

4 Io fonderò la tua progenie in eterno, ed edificherò il tuo trono per ogni età1. (Sela.)

5 I cieli parimente celebreranno le tue maraviglie, o Signore2; la tua verità eziandío sarà celebrata nella raunanza de’ santi.

6 Perciocchè, chi è nel cielo che pareggi [p. 499 modifica]il Signore; e che possa essere assomigliato al Signore, fra i figliuoli de’ possenti?

7 Iddio è grandemente spaventevole nel consiglio de’ santi, e tremendo sopra tutti quelli che sono d’intorno a lui.

8 O Signore Iddio degli eserciti, chi è potente Signore come sei tu3? Tu hai, oltre a ciò, intorno a te la tua verità.

9 Tu signoreggi sopra l’alterezza del mare; quando le sue onde s’innalzano, tu l’acqueti4.

10 Tu hai fiaccato Rahab, a guisa d’uomo ferito a morte; tu hai, col tuo possente braccio, dispersi i tuoi nemici5.

11 I cieli son tuoi, tua eziandío è la terra; tu hai fondato il mondo, e tutto ciò ch’è in esso6.

12 Tu hai creato il Settentrione ed il Mezzodì; tabor ed Hermon trionfano nel tuo Nome.

13 Tu hai un braccio forte; la tua mano è potente, la tua destra è esaltata.

14 Giustizia e giudicio son la ferma base del tuo trono; benignità e verità vanno davanti alla tua faccia.

15 Beato il popolo che sa che cosa è il giubilare; o Signore, essi cammineranno alla chiarezza della tua faccia;

16 Festeggeranno tuttodì nel tuo nome, e si esalteranno nella tua giustizia.

17 Perchè tu sei la gloria della lor forza; e il nostro corno è alzato per lo tuo favore.

18 Perciocchè lo scudo nostro è del Signore; e il Re nostro è del Santo d’Israele.

19 Tu parlasti già in visione intorno al tuo Santo, e dicesti: Io ho posto l’aiuto intorno al possente; io ho innalzato l’eletto d’infra il popolo.

20 Io ho trovato Davide, mio servitore; e l’ho unto coll’olio mio santo7;

21 Col quale la mia mano sarà ferma; il mio braccio eziandío lo fortificherà.

22 Il nemico non l’oppresserà; ed il perverso non l’affliggerà.

23 Anzi io fiaccherò i suoi nemici, cacciandoli d’innanzi a lui; e sconfiggerò quelli che l’odieranno8.

24 E la mia verità, e la mia benignità, saranno con lui; ed il suo corno sarà alzato nel mio nome;

25 E metterò la sua mano sopra il mare, e la sua destra sopra i fiumi.

26 Egli m’invocherà, dicendo: Tu sei mio Padre, il mio Dio, e la Rocca della mia salute.

27 Io altresì lo costituirò il primogenito9, il più eccelso dei re della terra.

28 Io gli osserverò la mia benignità in perpetuo, ed il mio patto sarà leale inverso lui10.

29 E renderò la sua progenie eterna, ed il suo trono simile a’ giorni del cielo11.

30 Se i suoi figliuoli abbandonano la mia Legge, e non camminano ne’ miei ordinamenti;

31 Se violano i miei statuti, e non osservano i miei comandamenti;

32 Io visiterò il lor misfatto con verga, e la loro iniquità con battiture12;

33 Ma non annullerò la mia benignità inverso lui, e non mentirò contro alla mia verità.

34 Io non violerò il mio patto, e non muterò quello che è uscito dalle mie labbra.

35 Io ho giurato una volta per la mia santità: Se io mento a Davide;

36 Che la sua progenie sarà in eterno, e che il suo trono sarà come il sole nel mio cospetto13;

37 Che sarà stabile in perpetuo, come la luna; e di ciò vi è il testimonio fedele nel cielo. (Sela.)

38 E pur tu l’hai cacciato lungi da te, e l’hai disdegnato; tu ti sei gravemente adirato contro al tuo unto.

39 Tu hai annullato il patto fatto col tuo servitore; tu hai contaminata la sua benda reale, gettandola per terra.

40 Tu hai rotte tutte le sue chiusure; tu hai messe in ruina le sue fortezze.

41 Tutti i passanti l’hanno predato; egli è stato in vituperio a’ suoi vicini.

42 Tu hai alzata la destra de’ suoi avversari; tu hai rallegrati tutti i suoi nemici.

43 Tu hai eziandío rintuzzato il taglio della sua spada, e non l’hai fatto star fermo in piè nella battaglia.

44 Tu l’hai spogliato del suo splendore, ed hai traboccato in terra il suo trono.

45 Tu hai scorciati i giorni della sua giovanezza; tu l’hai coperto di vergogna. (Sela.)

46 Infino a quando, o Signore, ti nasconderai tu? Ed arderà l’ira tua come un fuoco, in perpetuo?

47 Ricordati quanto poco tempo io ho da vivere nel mondo14; perchè avresti tu creati in vano tutti i figliuoli degli uomini?

48 Chi è l’uomo che viva, senza veder mai la morte? Che scampi la sua vita di man del sepolcro? (Sela.)

49 Ove sono, o Signore, le tue benignità antiche, le quali tu giurasti a Davide per la tua verità15?

50 Ricordati, o Signore, del vituperio fatto a’ tuoi servitori, di quello che io porto in seno; del vituperio fattoci da tutti i grandi popoli.

51 Conciossiachè i tuoi nemici abbiano vituperate, o Signore, abbiano vituperate le vestigie del tuo unto16.

52 Benedetto sia il Signore in eterno. Amen, Amen17.