Salmi (Diodati 1821)/capitolo 86

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../ capitolo_85

../capitolo_87 IncludiIntestazione 28 maggio 2012 75% Da definire

capitolo 85 capitolo 87

[p. 497 modifica]

SALMO 86.

Davide implora con ardore il soccorso di Dio.

Orazione di Davide.

1 O SIGNORE, inchina l’orecchio tuo, e rispondimi; perciocchè io sono afflitto e misero1.

2 Guarda l’anima mia; perciocchè io mi studio a pietà; o tu, Dio mio, salva il tuo servitore che si confida in te2.

3 O Signore, abbi pietà di me; perciocchè io grido a te tuttodì.

4 Rallegra l’anima del tuo servitore; perciocchè io levo l’anima mia a te, o Signore.

5 Perciocchè tu, Signore, sei buono e perdonatore3; e di gran benignità inverso tutti quelli che t’invocano.

6 O Signore, porgi gli orecchi alla mia orazione; e attendi al grido delle mie supplicazioni.

7 Io t’invoco nel giorno della mia distretta; perciocchè tu mi risponderai4.

8 Non vi è niuno pari a te fra gl’iddii, o Signore5; e non vi sono alcune opere pari alle tue.

9 Tutte le genti le quali tu hai fatte, verranno, e adoreranno nel tuo cospetto, o Signore; e glorificheranno il tuo Nome6.

10 Perciocchè tu sei grande, e facitore di maraviglie; tu solo sei Dio7.

11 O Signore, insegnami la tua via, e fa che io cammini nella tua verità; unisci il mio cuore al timor del tuo nome.

[p. 498 modifica]

Dio si diletta in Sion. SALMI 87–89. II patto di Dio con Davide

12 Io ti celebrerò, o Signore Iddio mio, con tutto il mio cuore; e glorificherò il tuo Nome in perpetuo.

13 Perciocchè la tua benignità è grande sopra me; e tu hai riscossa l’anima mia dal fondo del sepolcro.

14 O Dio, uomini superbi si son levati contro a me; ed una raunanza di violenti, i quali non ti pongono davanti agli occhi loro, cercano l’anima mia.

15 Ma tu, Signore, sei l’Iddio misericordioso e pietoso, lento all’ira, e di gran benignità e verità8.

16 Volgi la tua faccia verso me, ed abbi pietà di me; da’ la tua forza al tuo servitore, e salva il figliuolo della tua servente.

17 Opera inverso me qualche miracolo in bene, sì che quelli che mi odiano lo veggano, e sieno confusi; perciocchè tu, Signore, mi avrai aiutato, e mi avrai consolato.