Saul/Atto primo/Scena I

Da Wikisource.
Atto primo

SCENA PRIMA

../ ../Scena II IncludiIntestazione 15 gennaio 2015 100% Teatro

Atto primo Atto primo - Scena II


[p. 5 modifica]

SAUL


ATTO PRIMO




SCENA PRIMA


DAVID


Qui freno al corso, a cui tua man mi ha spinto,
Onnipossente Iddio, tu vuoi ch'io ponga?
Io qui starò. — Di Gelboè son questi
I monti, or campo ad Israel, che a fronte
5Sta dell'empia Filiste. Ah! potessi oggi
Morte aver qui dall'inimico brando!
Ma, da Saúl deggio aspettarla. Ahi crudo
Sconoscente Saúl! che il campion tuo
Vai perseguendo per caverne e balze,
10Senza mai dargli tregua. E David pure
Era già un dì il tuo scudo; in me riposto
Ogni fidanza avevi; ad onor sommo
Tu m’innalzavi; alla tua figlia scelto
Io da te sposo.... Ma, ben cento e cento
15Nemiche teste, per maligna dote,
Tu mi chiedevi: e doppia messe appunto

[p. 6 modifica]

Io ten recava.... Ma Saúl, ben veggio,
Non è in se stesso, or da gran tempo: in preda
Iddio lo lascia a un empio spirto: oh cielo!
20Miseri noi! che siam, se Iddio ci lascia? —
Notte, su, tosto, all'almo Sole il campo
Cedi; ch'ei sorger testimon debb’oggi
Di generosa impresa. Andrai famoso
Tu, Gelboè, fra le più tarde etadi,
25Che diran: David qui se stesso dava
Al fier Saulle. — Esci, Israél, dai queti
Tuoi padiglioni; escine, o re: v’invito
Oggi a veder, s’io di campal giornata
So l’arti ancora. Esci, Filiste iniqua;
30Esci, e vedrai, se ancor mio brando uccida.