Scorgi i tormenti miei, se gli occhi volti (Favaro)

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Galileo Galilei

XVII secolo S Indice:le opere di Galileo Galilei IX.djvu Sonetti letteratura Scorgi i tormenti miei, se gli occhi volti Intestazione 5 giugno 2008 75% poesie

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


[p. 226 modifica]

     Scorgi i tormenti miei, se gli occhi volti,
Nella ruvida fronte a i sassi impressi;
Leggi il tuo nome e’ miei martiri scolti
4Nella scorza de’ faggi e de’ cipressi.

     Mostran l’aure tremanti i sospir tolti
Dall’infiammato sen; gli augelli stessi
Narran pure il mio mal, se tu gli ascolti;
8Eco il conferma; e tu noi credi, Alessi?

     Gusta quell’acque già sì dolci e chiare,
Se nuovo testimonio al mio mal chiedi,
11Com’or son fatte dal mio pianto amare;

     E se dubiti ancor, mira in lor fiso;
E quel che neghi al gusto, agli occhi credi,
14Leggendo il mio dolor nel tuo bel viso.