Se piangi lei ch'uscì del mondo fuore

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Ottavio Bolgeni

S Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Se piangi lei ch'uscì del mondo fuore, Intestazione 8 luglio 2017 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri


[p. 67 modifica]

OTTAVIO BOLGENI.1


Se piangi lei ch’uscì del mondo fuore,
     E gran torto lagnarsi del suo bene;
     Chè lamentar, perch’altri esce di pene,
     Nè giustizia il sostien, nè ’l vuole amore
5Se ’l tuo danno deplori, è grande errore;
     Chè perduta chiamar non si conviene
     Quella che in ciel beata un seggio tiene,
     Onde a giovarti ha più brama e valore.
Dunque sia fine al tuo lungo martire,
     10E, se ti vuoi lagnar, lagnati meco;
     Che siam rimasti in sì nojosa vita;
O, se a te pesa tanto il suo partire,
     Non piangere perch’ella or non è teco,
     Ma perchè tu non sei dov’ella è gita

Note

  1. Ad amico afflitto per la morte di sua sorella.