Sebbene per l'ampio Ciel, ch'ognor cercasti

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Ludovico Antonio Muratori

S Indice:Zappi, Maratti - Rime I.pdf Sonetti Letteratura Sebbene per l’ampio Ciel, ch’ognor cercasti Intestazione 12 maggio 2018 75% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT


Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta Sonetti d'alcuni arcadi più celebri/Lodovico Antonio Muratori


[p. 297 modifica]

I1


Sebben per l’ampio Ciel, ch’ognor cercasti,
     Quand’eri in Terra, or sciogli i vanni alteri,
     E in Dio ti pasci, immers’i tuoi pensieri
     In pelago di beni immensi e vasti;
5Pur, buon Lucchesi, al suol che sì sprezzasti
     Deh volgi i rai da i lucidi sentieri;
     Nè tua umiltà col ripensar qual’eri,
     Ai voti nostri il bel volo contrasti:
Ai voti, ch’ora al Quirinal porgiamo,
     10Perchè se tanto in sull’eteree sedi
     Splendi, quaggiù splender te ancor miriamo.
Chè non per te, che in tanta gloria siedi,
     a sol per noi qui l’onor tuo cerchiamo,
     E a Dio tu pur deh per suo onor lo chiedi.

Note

  1. Trattandosi della beatificazione del Venerabile P. Gian-Domenico Lucchese Carmelitano morto in Viterbo l’anno 1714.