Sonetti XIV sopra il Pater noster/Sonetto II

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
../Sonetto I

../Sonetto III IncludiIntestazione 16 novembre 2012 75% Da definire

Sonetto I Sonetto III
[p. 102 modifica]

SONETTO II.


O poca nostra nobiltà di sangue,
     Che da’ Padri quaggiuso origin prende!
     Oual vecchia fiamma si consuma, e langue
     4S’un novello splendor non la raccende.
Insidiator, qual sotto l’erba l’angue.
     Il tempo ognora debile la rende,
     E sì si muore senza spirto, e esangue:
     8Che non dal Cielo la sua vita prende.
O Padre nostro, che ne’ cieli stai,
     E che il Padre primier formasti in pria
     Ogni padre terren vinci d’assai.
12A te sospira l’alma, e te desia,
     E ritornar dopo i terrestri guai
     Spera all’eterna sua Patria natia.